Differenze tra le versioni di "Ninḫursaĝ"

m
disambigua Ea
m (robot Aggiungo: el:Νινχουρσάγκ)
m (disambigua Ea)
In seguito, la stessa dea venne rappresentata in forme diverse: come Ninmah, la "Signora maestosa", era la dea che plasmò gli uomini dall'argilla; come Nantu, "colei che partorisce", era la dea protettrice del parto; infine, come Ninhursag, era ritenuta madre di tutte le creature viventi. Tutti i diversi attributi della dea Ninhursag/Ki sottolineano la sua natura di Madre Terra, generatrice di vita.<br>
Nin-hur-sag significa in sumero "Signora delle colline", ma ebbe molti altri nomi: ''Nintur'' "Signora delle nascite", ''Ninmah'' "Signora maestosa", ''Dingirmah'', ''Aruru'' e come moglie di [[Enki]] era solitamente chiamata ''Damgalnunna''.<br>
Presso gli [[Accadi]] era conosciuta come ''Belet-ili'' "Signora degli dei" e col nome di ''Mama''; come moglie di [[Ea (mitologia)|Ea]], controparte accadica di Enki, era chiamata anche ''Damkina''.<br>
Il suo prestigio decrebbe all'accrescersi di quello di [[Inanna]]/[[Ishtar]], ma nel suo aspetto di Damkina, quindi madre di [[Marduk]], che divenne il dio principale a [[Babilonia]], conservò un posto sicuro nel [[Pantheon]] mesopotamico.
 
394 474

contributi