Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
L''''intercessione''' è, in generale, l'intervento che si fa presso qualcuno al fine di ottenere un beneficio per altri.
Dalla Bibbia si legge in I Timoteo 2:5 che vi e' un solo intercessore tra noi e Dio, e cioè Gesù Cristo risorto e seduto alla destra del Padre.
Quindi chi si dice Cristiano perché sceglie Gesù come proprio Signore e Salvatore riconoscendo il bisogno della salvezza che si ha per grazia e non per opere,
usa la preghiera di intercessione per stare al posto di una determinata persona mossa dalla compassione di Dio stesso, e combatte per la persona contro cio' che la persona stessa non riesce ad affrontare per incapacità o per cecità spirituale.
Tutti gli inserimenti di intercessione tramite santi e altro, non sono Bibliche e sono stati inseriti nel tempo dagli uomini, mischiando dei pagani al cristianesimo per motivi politici.
 
Il significato originario del termine era tratto dal diritto romano dove era tipica l'[[intercessio tribunicia]] l'intervento cioè del [[tribuno della plebe]] a favore di un plebeo per proteggerlo da un intervento di un magistrato.
 
Per ampliamento del significato originale, in alcune confessioni [[Cristianesimo|cristiane]], l'intercessione è l'intervento di un [[santo]] presso Dio per ottenere da lui una [[grazia (religione)|grazia]] in favore di un'altra persona.
 
I [[cattolicesimo|cattolici]], gli [[ortodossia|ortodossi]] e alcune confessioni protestanti (per es. gli [[anglicanesimo|anglicani]]) credono che, invocando l'intercessione di un [[santo]], si possa più efficacemente ottenere grazie da Dio. Impropriamente si usa dire che il santo "fa la grazia". Secondo tali confessioni è sempre Dio che "fa" la grazia e da Dio il santo la ottiene, aggiungendo le proprie preghiere a quelle dei fedeli che gli chiedono di intercedere.
 
Utente anonimo