Differenze tra le versioni di "Al-Walid ibn Abd al-Malik"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
|Nazionalità =
|Categorie = no
|FineIncipit = fu il terzo [[califfo]] della dinastia [[Omayyadi|omayyade]] del [[Marwan ibn al-Hakam|ramo marwanide]] e governò il califfato dal [[705]] al [[715]]. Sotto il suo regno, gli Omayyadi continuarono la loro politica di espansione militare, acquisendo nuovi territori sia in [[Ovest|Occidente]] che([[Maghreb]]) sia in [[Est|Oriente]] ([[Mashreq]])
|Immagine = Omayyad mosque.jpg
|Didascalia = La Grande Moschea di Damasco, costruita per disposizione di al-Walīd
}}
 
al-Walīd proseguì nell'opera di consolidamento del califfato, riunificato dal padre [[Abd al-Malik ibn Marwan|ʿAbd al-Malik b. Marwān]], completando l'arabizzazione dell'amministrazione (''[[Diwan|dīwān]]'') e monumentalizzando i suoi centri principali con la costruzione a [[Damasco]] della grande [[moschea degli Omayyadi]] e di un edificio consimile ad [[Moschea degli Omayyadi di Aleppo|Aleppo]]. Fece inoltre costruire il [[Qasr al-Kharana|Qaṣr al-Kharāna]] (Palazzo di Harāna), uno dei tre [[Castelli del deserto]] della [[Giordania]].
 
Seguendo l'esempio del padre, confermò [[al-Hajjaj ibn Yusuf|al-Ḥajjāj b. Yūsuf]] - che già godeva di un'ottima reputazione - nella carica di governatore (''[[Wali (governatore)|wālī]]'') della [[Persia]]. al-Ḥajjāj - che aveva dimostrato le sue capacità di governo in [[Iraq]] sedando una rivolta [[Kharigismo|kharigita]] - pianificò le campagne militari che avrebbero condotto, entro il [[712]], all'annessione della [[Transoxiana]] e del [[Sindh]].
126 023

contributi