Calcinazione: differenze tra le versioni

info e fonte (in Note)
m (Bot: Elimino interlinks)
(info e fonte (in Note))
{{S|chimica}}
La '''calcinazione''' è un termine, noto fin dai tempi dell'[[alchimia]], che definisce un processo di riscaldamento ad alta [[temperatura]], protratto per il tempo necessario ad eliminare tutte le sostanze volatili da un [[composto chimico]]. Gli alchimisti consideravano anche una calcinazione l'[[ossidazione]] di un [[metallo]] in [[ossido]], in cui la sostanza volatile che si allontanava era ritenuta essere il [[flogisto]]. EsempiSimbolo classicialchemico didella sostanzecalcinazione calcinabiliè sono quellela [[compostosalamandra organico(zoologia)|organichesalamandra]], cheeletto eliminanoa [[anidridetale carbonica]]dignità dagli alchimisti stessi a causa della sua (presunta e [[vaporleggendaria) d'acqua]],capacità odi sostanzeresistere al fuoco diretto.<ref>[[compostoLouis inorganico|inorganicheCharbonneau-Lassay]], quali''Il ibestiario carbonatidel (eliminanoCristo'', [[anidridevol carbonica|CO<sub>2</sub>]])II, oEd. iArkeios, solfitiRoma, (eliminano1995, [[diossidoISBN di88-86495-02-1. zolfo|SO<sub>2p. 465</subref>]]).
 
Esempi classici di sostanze calcinabili sono quelle [[composto organico|organiche]], che eliminano [[anidride carbonica]] e [[vapor d'acqua]], o sostanze [[composto inorganico|inorganiche]] quali i carbonati (eliminano [[anidride carbonica|CO<sub>2</sub>]]) o i solfiti (eliminano [[diossido di zolfo|SO<sub>2</sub>]]).
 
Questo processo è stato usato fin dall'antichità nella produzione di [[pigmento|pigmenti]] pittorici inorganici.
La calcinazione è anche una pratica comune della [[chimica analitica]] e dell'industria.
 
== Note ==
<references/>
==Collegamenti esterni==
* {{en}} [http://goldbook.iupac.org/C00773.html IUPAC Gold Book, "calcination"]
96 696

contributi