Asclepiade di Bitinia: differenze tra le versioni

m
link
m (Bot: Elimino interlinks)
m (link)
I rimedi terapeutici si basavano su massaggi, bagni termali, passeggiate e musica, con il ricorso a farmaci o salassi solo in casi estremi.
 
Fondò la scuola medica detta "[[scuola metodica|metodica]]" e fu il primo a classificare le malattie in acute e croniche. Il suo allievo [[Celio Aureliano]] gli attribuì l'adozione della [[tracheotomia]] come terapia d'urgenza nella [[difterite]].<ref>Celio Aureliano, ''De morbo acuto'', I,14 e III,4. È citato anche da [[Aulo Cornelio Celso|Celso]], ''De Medicina'', I.</ref>
 
Nel [[91 a.C.]] era a [[Roma]]. Dopo aver esercitato come retore, continuò la sua attività di medico e furono suoi pazienti anche [[Marco Tullio Cicerone|Cicerone]], [[Lucio Licinio Crasso|Crasso]] e [[Marco Antonio]].
<references/>
{{Controllo di autorità|VIAF=45095876|LCCN=}}
{{Portale|antica Grecia|biografie|medicina}}
279 191

contributi