Differenze tra le versioni di "Archivio storico per la Calabria e la Lucania"

(Storia)
 
== Storia ==
La rivista fu fondata nel [[1931]] dagli archeologi e meridionalisti [[Paolo Orsi]] e da [[Umberto Zanotti Bianco]] come organo di alta cultura dedicato alla «storia politica, civile, culturale e sociale» delle due regioni meridionali estreme italiane, di proprietà della «Società Magna Grecia» fondata nel [[1920]] dai due archeologi<ref>Umberto Zanotti-Bianco, L'opera della Società Magna Grecia nei primi dieci anni (1921-1931), Roma: Arte stampa, 1931</ref>; edita dal [[1945]] dall'[[Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d'Italia]]. La periodicità era inizialmente trimestrale; dal [[1965]] è annuale e ciascun volume esce all'inizio di ogni anno solare<ref>[http://www.animi.it/archivio_calabria-lucania.htm ANIMI, "Archivio Storico per la Calabria e la Lucania"]</ref>. Alla rivista hanno collaborato numerosi intellettuali di fama europea, come è possibile accertare dalla pubblicazione degli indici trentennali pubblicati nel 1961<ref>''Archivio storico per la Calabria e la Lucania: Indice generale 1931-1961''; fondato da Paolo Orsi; diretto da Umberto Zanotti-Bianco, Roma: Collezione meridionale, stampa 1962</ref> e nel 1993 <ref>«Indice generale 1962-1993», ''Archivio storico per la Calabria e la Lucania anno LX (1993)</ref>. L'archivio storico è stato digitalizzato<ref>[http://filosofiastoria.wordpress.com/2011/04/05/archivio-storico-per-la-calabria-e-la-lucania-digitalizzate-le-annate-dal-1931-al-2006/ Filosofia e Storia, ''Archivio Storico per la Calabria e la Lucania: digitalizzate le annate dal 1931 al 2006'']</ref>
 
== Direttori ==