Differenze tra le versioni di "Istituto Geografico Centrale"

(toglo: avviso E (vedi talk), improbabile wl rosso, POV e affermazione non fontata e peraltro irreperibile in rete)
}}</ref>
 
Alcuni anni dopo nacque l'editoria relativa alla montagna. Dopo la carta del [[Parco Nazionale del Gran Paradiso]] furono pubblicate le altre carte in scala 1:50.000 che coprono l'arco alpino dalla ValleLombardia d'Aostaoccidentale fino alla Liguria. Seguirono nella serie altre carte più dettagliate in scala 1:25.000 destinate agli scalatori e agli alpinisti che, oltre ai sentieri e le vie di ascensione, evidenziano anche gli itinerari di sci-alpinismo.
 
All'Istituto geografico Centrale viene riconosciuto il ruolo che per molti decenni ha avuto come supporto all'[[escursionismo]].<ref>''VALLI MAIRA, GRANA, STURA'', recensione su ''Alpinia.net'' on-line su [http://www.alpinia.net/editoria/recensioni/rec_scheda.php?id=1661 www.alpinia.net] (consultato nel novembre 2014)</ref>
Le carte IGC in scala 1:50.000 erano ancora considerate nel 2012 molto diffuse <ref>''Quaderno di Escursionismo n° 2 - GPS - MS Mountain'', 10 novembre 2012; on-line in .pdf su [http://www.msmountain.it/varie/quaderni/quaderno02v1.3-gps.pdf www.msmountain.it] (consultato nel dicembre 2014)</ref> nonché le uniche che coprissero l'intero [[Piemonte]].<ref>''... le intramontabili carte dell’Igc, Istituto geografico centrale, in scala 1:50.000, le uniche che coprono l’intera regione''; ''LIBRI DI MONTAGNA IN CITTÀ'', [[Compagnia di San Paolo]], articolo su [http://www.torinoelealpi.it/i-libri-di-montagna-a-torino/ www.torinoelealpi.it] (consultato nel novembre 2014)</ref> Nonostante la
 
== Le guide IGC ==
Utente anonimo