Differenze tra le versioni di "Franco Parenti"

* Nel 1963 è direttore artistico del Teatro Stabile di [[Palermo]]; interpreta il ''[[Don Giovanni]]'' di [[Molière]] nell'adattamento di Brecht.
* Nel 1964 è con [[Eduardo De Filippo]], che scrive per lui: ''[[Dolore sotto chiave]]''.
* Nel 1965 interpreta ''[[Uomo e galantuomo]]'', ''[[Il cilindro]]'' e ''"[[L'arte della commedia]]'' sempre di [[Eduardo De Filippo]].
* Nel 1966 viene richiamato da De Bosio allo Stabile di Torino per partecipare al Festival di Venezia, con il dramma di [[Alberto Moravia]] ''Il mondo è quello che è''. Sempre nello stesso anno lavora allo Stabile di Bologna, dove è regista e interprete di ''[[Il bagno]]'' di [[Vladimir Majakovskij]].
* Dal 1969 al 1971 ritorna al [[Piccolo Teatro di Milano]] con ''[[La Betia]]'', ''[[La Moscheta]]'', ''W Bresci'', ''Ogni anno punto e da capo'' di [[Eduardo De Filippo]].
* Nel [[1972]] fonda il [[Salone Pier Lombardo]] (oggi Teatro Franco Parenti), con [[Andrée Ruth Shammah]], [[Giovanni Testori]] e [[Dante Isella]].
* Dal [[1973]] al [[1989]] lavora al Salone Pier Lombardo, dove Rappresenta la trilogia di [[Giovanni Testori]]: Ambleto-Macbetto-Edipus. Sempre di Testori mette in scena: ''[[I promessi sposi]]'' e ''L'Arialda''. Altri spettacoli da ricordare: ''[[George Dandin]]'' di [[Molière]], ''A Milano con [[Carlo Porta]]'', ''Gran can can'' di [[Ettore Capriolo]] e Franco Parenti, ''I monellacci a scuola'' di [[Johann Nestroy]], ''Il Gigante Nano'' di [[Frank Wedekind]], ''La Betia'' di [[Angelo Beolco]], ''La congiura dei sentimenti'' riduzione di Franco Parenti dal romanzo ''Invidia'' di [[Jurij Karlovič Oleša]], ''[[Il misantropo]]'' di [[Molière]], ''[[Orestea]]'' di [[Eschilo]] nella traduzione di E. Severino, ''Dibbuk'' di [[Shalom An-ski]], ''Filippo'' di [[Vittorio Alfieri]], ''Cantico di mezzogiorno'' di [[Paul Claudel]], ''[[Timone d'Atene]]'' di [[William Shakespeare]].