Differenze tra le versioni di "Associazione Calcio Dilettantistica Olimpic Sansovino"

nessun oggetto della modifica
 
== La storia ==
L'U.S. Sansovino nasce nel 1929, grazie ai favori dei maggiorenti paesani. Come colori sociali furono scelti l'arancione ed il blu; il nome, invece, ricorda una delle personalità più illustri native di [[Monte San Savino]], [[Andrea Contucci]] detto, per l'appunto, il Sansovino che visse nella città ove nacque tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento. Solo dal 1934, però, la squadra si iscrive regolarmente ai campionati FIGC. Con un'interruzione durante il periodo della seconda guerra mondiale, gli aranciobleù militano sempre nei campionati dilettantistici toscani. Negli anni settanta, il paese scopre tutto il suo amore per il calcio e la Sansovino ha un seguito incredibile. La rivalità più accesa è quella con il [[Foiano]]: i derby fra le due formazioni accendolo la [[Valdichiana]] calcistica. Nella stagione 1980-1981, con Carlo Caroni alla guida tecnica, la Sansovino conosce, per la prima volta nella sua storia, la quarta serie del calcio italiano; la piccola realtà savinese si misura con compagini blasonate e conosciute. Dopo due anni di Interregionale, la Sanso retrocede e, di lì in poi, inizia un lento declino, che dura sino agli inizi degli anni novanta. Nel frattempo, si cambia denominazione (da U.S. ad A.C.) e terreno di gioco: nel [[1984]] viene inaugurato il nuovo Comunale Le Fonti. A metà degli anni novanta, l'allenatore [[Loris Beoni]] riesce a portare la squadra dalla Prima Categoria sino all'Eccellenza (spareggio per la Serie D perso, nel [[1996]], contro l'[[Aglianese]]).
 
La rivalità più accesa è quella con il [[Foiano]]: i derby fra le due formazioni accendolo la [[Val di Chiana]] calcistica. Nella stagione 1980-1981, con Carlo Caroni alla guida tecnica, la Sansovino conosce, per la prima volta nella sua storia, la quarta serie del calcio italiano; la piccola realtà savinese si misura con compagini blasonate e conosciute. Dopo due anni di Interregionale, la Sanso retrocede e, di lì in poi, inizia un lento declino, che dura sino agli inizi degli anni novanta. Nel frattempo, si cambia denominazione (da U.S. ad A.C.) e terreno di gioco: nel [[1984]] viene inaugurato il nuovo Comunale Le Fonti. A metà degli anni novanta, l'allenatore [[Loris Beoni]] riesce a portare la squadra dalla Prima Categoria sino all'Eccellenza (spareggio per la Serie D perso, nel [[1996]], contro l'[[Aglianese]]).
 
=== Gli anni recenti ===
Dopo molti anni in questa categoria, nel 2000-2001, la Sansovino (panchina affidata a [[Maurizio Sarri]]) conquista il passaggio in Serie D, dopo 20 anni esatti da quel lontano 1981. Nella seconda stagione in Serie D (2002-2003) gli arancioblù vincono la [[Coppa Italia Serie D]], in finale contro l'[[Unione Sportiva Oratorio Calcio|U.S.O. Calcio]], mentre in campionato si classificano al secondo posto; sono promossi in Serie C2 grazie al ripescaggio. Primo campionato di C2 per la Sansovino quindi nel 2003-2004: con una squadra di poco più di 15 giocatori riesce a salvarsi miracolosamente all'ultima giornata evitando anche i playout guidata dall'esordiente Agostino Iacobelli. Nel 2004-2005 si salva ancora all'ultima giornata. Nell'estate del 2005, torna sulla panchina savinese quel [[Loris Beoni]], che, negli anni novanta, aveva risollevato le sorti del calcio a [[Monte San Savino]]: il campionato è di quelli eccezionali e vale un terzo posto finale con la promozione persa solo in finale play off contro il [[Sassuolo Calcio|Sassuolo]] (in un doppio confronto probabilmente segnato dalle decisioni dell'arbitro Salati di [[Trento]]). Molto peggio nella [[Serie C2 2006-2007|stagione 2006-2007]] nella quale Beoni viene esonerato a quasi tre quarti della stagione, cedendo il posto al subentrante [[Fabrizio Fabris]]. Alla fine il penultimo posto in classifica costringe la squadra aretina a giocare i playout contro il [[Boca San Lazzaro]]. La Sanso vince per 3-1 a [[Monte San Savino]] mentre nel ritorno viene sconfitta per 1-0, per cui si salva dalla retrocessione in Serie D grazie alla differenza reti.
 
Nell'estate del 2005, torna sulla panchina savinese quel [[Loris Beoni]], che, negli anni novanta, aveva risollevato le sorti del calcio a [[Monte San Savino]]: il campionato è di quelli eccezionali e vale un terzo posto finale con la promozione persa solo in finale play off contro il [[Unione Sportiva Sassuolo Calcio|Sassuolo]] (in un doppio confronto probabilmente segnato dalle decisioni dell'arbitro Salati di [[Trento]]). Molto peggio nella [[Serie C2 2006-2007|stagione 2006-2007]] nella quale Beoni viene esonerato a quasi tre quarti della stagione, cedendo il posto al subentrante [[Fabrizio Fabris]]. Alla fine il penultimo posto in classifica costringe la squadra aretina a giocare i playout contro il [[Boca San Lazzaro]]. La Sanso vince per 3-1 a [[Monte San Savino]] mentre nel ritorno viene sconfitta per 1-0, per cui si salva dalla retrocessione in Serie D grazie alla differenza reti.
[[File:Stadio Sansovino.JPG|thumb|Stadio ''Le Fonti'' - Veduta della Tribuna dal settore Ospiti (2011)]]
 
All'inizio della stagione 2010-11 torna a ricoprire la carica di direttore sportivo [[Nario Cardini]], vero autore del miracolo che ha portato la squadra arancioblù a giocare cinque stagioni di Serie C2. Il nuovo allenatore è [[Roberto Fani]], proveniente dalla [[Sinalunghese]]. Il campionato termina con il secondo posto nel Girone B di [[Eccellenza Toscana 2010-2011|Eccellenza toscana]] e la vittoria dei playoff nazionali contro il Frascati<ref>{{Cita web|url=http://www.arezzonotizie.it/sport/calcio/62433-sbornia-sansovino-torna-in-serie-d-le-foto-del-trionfo|titolo=Sbornia Sansovino, torna in Serie D|data=19 giugno 2011|accesso=7 agosto 2011|editore=ArezzoNotizie}}</ref> che sancisono il ritorno in [[Serie D]] dopo 3 anni.
 
Nella [[Serie D 2011-2012]] gli arancioblù vengono inseriti nel girone E (con avversarie come [[ArezzoUnione CalcioSportiva Arezzo|Arezzo]] e [[SansepolcroSocietà CalcioSportiva Dilettantistica Vivi Altotevere Sansepolcro|Sansepolcro]]). L'inizio di stagione è promettente con la squadra che dopo 12 turni è al quinto posto, anche se poi inizia un inesorabile declino che fa racimolare soli 6 punti in tutto il girone di ritorno. La Sansovino chiude al 18º e ultimo posto e torna così in [[Eccellenza Toscana]] dopo una sola stagione<ref>{{Cita web|url=http://www.radiobrunotoscana.it/serie-d/4145-senza-reti-sansovino-pianese-impatta-in-casa-il-sansepolcro.html|titolo=Senza reti Sansovino-Pianese. Impatta in casa il Sansepolcro|data=29 aprile 2012|accesso=26 maggio 2012|editore=RadioBrunoToscana}}</ref>. Nel successivo campionato di [[Eccellenza Toscana]] girone B chiude all'ultimo posto retrocedendo così in [[Promozione (calcio)|Promozione]].
Nel successivo campionato di [[Eccellenza Toscana]] girone B chiude all'ultimo posto retrocedendo così in [[Promozione (calcio)|Promozione]].
 
A seguito di un'ulteriore retrocessione nel campionato di [[Prima Categoria]], all'inizio della stagione sportiva 2014-2015 si fonde con l'Olimpic '96 di Ciggiano (Civitella in Val di Chiana) dando così vita all'Olimpic Sansovino, partecipando così al campionato regionale di Promozione Toscana nella stagione 2015-16.
112 772

contributi