Apri il menu principale

Modifiche

Federico successivamente prese parte alla marcia di Gustavo Adolfo nel [[Ducato di Baviera]], e fu presente alla marcia su [[Monaco di Baviera|Monaco]] del 17 maggio 1632. Su pressione di Federico V, Gustavo Adolfo si impegnò ad accettare la restaurazione di Federico anche senza l'aiuto danese o inglese solo se Federico avesse garantito che il Palatinato sarebbe in seguito divenuto un feudo del re di Svezia. Le terre del Palatinato infatti erano strategicamente molto importanti per Gustavo Adolfo da rischiare molto per Federico. Il re di Svezia, inoltre, fece pressione su Federico perché garantisse poi eguali diritti ai luterani nei suoi territori. Federico rifiutò queste condizioni ed i negoziati si interruppero, costringendolo a fare ritorno a [[Le Hague]].
 
Gustavo Adolfo venne ucciso nella [[Battaglia di Lützen (1632)|Battaglia di Lützen]] il 16 novembre 1632 e, sebbene gli inglesi si fossero convinti ad inviare delle forze in supporto della sua causa, ormai era troppo tardi. All'inizio dell'ottobre del 1632, Federico venne colpito da una infezione che peggiorò nelle settimane successive. Il famoso fisico [[Peter de Spina III|Peter de Spina]] venne chiamato da [[Darmstadt]] a [[Magonza]] ma nulla si poté fare per Federico che morì la mattina del 29 novembre 1632, di "febbre pestilenziale".
 
Il figlio ed erede di Federico, [[Carlo I Luigi del Palatinato|Carlo Luigi]] aveva appena 15 anni e pertanto il fratello di Federico, Luigi Filippo del Palatinato-Simmern-Kaiserslautern, venne nominato suo tutore e reggente. Gli organi interni di Federico vennero sepolti nella chiesa di Santa Caterina di [[Oppenheim]] mentre il suo corpo imbalsamato venne portato a [[Frankenthal]]. Il 9 giugno 1635, con l'avvicinarsi delle truppe spagnole, il reggente fece spostare a [[Kaiserslautern]] il corpo di Federico e poi nel settembre del 1637 lo spostò nuovamente a [[Sedan]]. Ad oggi ad ogni modo si sono perse le tracce della sua salma.
128 507

contributi