Apri il menu principale

Modifiche

Motto

12 byte aggiunti, 2 anni fa
Motti
 
{{L|araldica|giugno 2013}}
In base all'art. 109 dell'ultimo [[Regolamentoregolamento]] per la [[Consulta Araldicaaraldica]] del [[Regno d'Italia (1861-1946)|Regno]], approvato con [[regio decreto]] 7 giugno 1943 n. 652 (pubblicato sulla [[Gazzetta Ufficialeufficiale del Regno]] del 24 luglio 1943, n. 170, supplemento ordinario ed allegato al numero del luglio-dicembre 2008 della [[Rivista Nobiliarenobiliare]]): “i motti si scrivono sopra liste bifide e svolazzanti, [[Smalto (araldica)|smaltate]] come nel [[campo dello scudo]] e scritte con [[Lettera maiuscola|lettere maiuscole]] [[LetteraCarattere lapidario romanaromano|romane]]. Di regola si collocano sotto la [[punta (araldica)|punta]] dello scudo”. Per il successivo art. 110: “si rispettano le tradizioni storiche per i motti scritti con caratteri speciali e per i [[#Grido di guerra|gridi d'armi]]”. Per l'art. 111: “nelle concessioni i motti saranno o italiani o latini, non scritti con lettere arcaiche”.
[[File:Gonzaga.png|thumb|right|Blasonatura araldica dei [[Gonzaga]] successiva al [[1530]]. Vi si riconosce la corona ducale sormontata dalla parola ''fides'' (fede) che si riferisce al titolo ducale concesso dall'imperatore [[Carlo V]] e la scritta in greco ''Olimpos'' (Olimpo) che si riferisce all'impresa dell'Olimpo di [[Federico II Gonzaga]].]]
 
85 734
contributi