Allegria di naufragi: differenze tra le versioni

m
Annullate le modifiche di 5.168.13.50 (discussione), riportata alla versione precedente di Freeezer
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m (Annullate le modifiche di 5.168.13.50 (discussione), riportata alla versione precedente di Freeezer)
*''Stasera'' (22 maggio 1916): la brevissima poesia esalta la parola nuda "pura". Il poeta-soldato, in un momento di disperazione, non riesce a vedere altro appiglio di salvezza, che una balaustra, dove far riposare, per poco tempo, i propri sentimenti, prima della nuova battaglia da combattere.
*''Sono una creatura'' (5 agosto 1916): altra poesia dove Ungaretti dimostra, con sensazioni visive-tattiche il suo processo di cambiamento perpetuo durante la guerra. Dapprima egli era un essere umano fatto di sentimenti, ora a causa della guerra subisce un processo di "naturalizzazione al contrario", ossia riducendosi al silenzio e all'immobilismo psico-fisico, come una pietra.
*''Soldati'' (luglio 1918): vi è un uso strategico di enjambement per scandire il breve discorso, con la carica espressiva del "si sta" iniziale, come nel rispondere ad una domanda riguardo alla situazione emotiva del soldato. Il poeta risponde che la condizione umana in guerra è estremamente precaria, come delle foglie di un albero durante l'autunno, sempre in procinto di cadere, e morire. Merda. LOL.
 
== Stile e analisi ==
102 348

contributi