Alcimo Ecdicio Avito: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (→‎Bibliografia: - link commerciale)
Nessun oggetto della modifica
 
==Vita==
Avito, fu vescovo della Chiesa cattolica dal [[494]] circa al [[5 febbraio]] del [[523]].<br>
Apparteneva a un'importante [[Famiglia (società)|famiglia]] gallo-[[Impero romano|romana]] imparentata con l'[[Imperatori romani|imperatore]] romano [[Avito]] e altri illustri personaggi e che si tramandava gli onori ecclesiastici (il padre Isichio era stato pirma di lui vescovo di Vienna).
 
 
I lavori di Avito si possono trovare in Migne, P.L., LIX, 191-398. Ce ne sono due edizioni recenti: una di R. Peiper (in Mon. Germ. Hist.: Auct. Antiq., VI, Berlino, 1883), l’altra di U. Chevalier (Lione, 1890)
 
 
==Note==
==Bibliografia==
{{Catholic Encyclopedia|St. Avitus}}
{{portale|Medioevo}}
[[Categoria:Biografie di santi|Avito di Vienne]]