Differenze tra le versioni di "Giovanni Maria Vianney"

→‎In Seminario: Aggiunti collegamenti
(→‎Vicario di Don Balley: correzione refuso)
(→‎In Seminario: Aggiunti collegamenti)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
Dopo cinque o sei mesi di simili fallimenti i direttori furono costretti a dimetterlo. Fu un colpo piuttosto duro per il giovane seminarista e i compagni, a lui molto affezionati<ref name="Abbè Dubouis p.881" />, che lo costrinse a bussare alla porta del Petit-College di Lione per assumere i panni di fratello laico, come l'amico Giovanni Dumond, divenuto fratel Gerardo, a cui si era rivolto. Riuscì a farlo desistere dall'intento preso solo don Balley che, ospitato nuovamente il discepolo nella canonica, decise di impegnarsi con lui per poter almeno apprendere in latino le nozioni essenziali di teologia. Gli esami si avvicinavano e don Balley decise di presentare il suo candidato che, nonostante gli sforzi effettuati, non riuscì neppure adesso a superare. Si ritentò nuovamente e questa volta monsignor Bochard, presidente della commissione, pressato dalle richieste di Balley, decise di interrogare il giovane nella canonica di Ecully dove, finalmente, questi riuscì a rispondere in modo soddisfacente alle questioni poste. Mancava solo il responso di mons. Courbon, sostituto del cardinale Fesch rifugiatosi a Roma dopo la [[Battaglia di Lipsia|sconfitta di Napoleone]] a [[Lipsia]] (1813), che accertatosi della pietà e della devozione mariana del giovane<ref>Abbè Raymond, ''Vita'', pag.65</ref> approvò la sua candidatura.
 
Poté così ricevere il suddiaconato il [[2 luglio]], festa della Visitazione di Maria,<ref>Oggi ricordata il 31 maggio nel calendario riformato dopo il [[Concilio Vaticano II]] </ref> e, dopo un anno di studi trascorso non più in seminario ma a Ecully con don Balley<ref>''Processo dell'ordinario'', p.1281</ref>, fu ordinato [[diacono]] il [[23 giugno]], vigilia di [[San Giovanni Battista]], suo patrono, nella primaziale di S. Giovanni a Lione dal vescovo Simon di [[Grenoble]]. Superato l'ultimo esame canonico in presenza del vicario Bochard, che rimase sinceramente soddisfatto dei suoi miglioramenti nello studio<ref>Abbè Raymond, ''Vita'', pag.67</ref>, Giovanni Maria poté finalmente compiere il grande passo: il 13 agosto [[1815]] venne ordinato sacerdote a Grenoble. Aveva 29 anni e tre mesi.
 
==== Vicario di Don Balley ====
Utente anonimo