Differenze tra le versioni di "La guerra dei mondi (romanzo)"

Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
Il protagonista è uno scrittore di discreta fama che, di tanto in tanto, fa visita ad un suo amico che lavora in un osservatorio della città britannica di Ottershaw, l'astronomo Ogilvy, quando questi avvistano delle esplosioni a ritmi regolari sulla superficie di [[Marte (astronomia)|Marte]], causando curiosità tra le comunità scientifiche.
 
Più avanti, un oggetto fiammeggiante simile ad una [[meteora]] precipita nella landa di [[Woking]], sud-ovest di Londra, vicino alla casa del protagonista, producendo un grosso cratere sul punto d'impatto. Ogilvy è fra il primo ad avvicinarsi alla presunta meteora, che si rivela presto essere in realtà uno strano oggetto gigantesco, simile a un cilindro metallico. Il gruppo resta sul luogo fino alla sera dove un ragazzo viene spinto dalla folla nel cratere dove la cima del cilindro si svita e fuoriescono alcuni [[marziani]], creature simili a piovre grosse quanto un orso, che mal sopportando l'atmosfera terrestre, rientrano subito all'interno. Il gruppo si allontana e il ragazzo viene trascinato nel cilindro. Un gruppo di tre uomini, tra i quali Stent Henderson e lo stesso Ogilvy, avanzano verso il cilindro sventolando una bandiera bianca, ma i marziani li carbonizzano con un "raggio di calore", simile a un [[raggio laser]], per poi carbonizzare il resto del gruppo e bruciare le piante nei dintorni. Nonostante ciò il protagonista viene mancato per miracolo, perriuscendo poia correrescappare averso casa. Durante la notte dal cilindro escefuoriescono del fumo verde e degli strani suoni simili a dei martellamenti.
[[File:War of the Worlds Set 02.JPG|left|thumb|Uno degli autentici motori di un Boeing 747 utilizzato nel film ''[[La guerra dei mondi (film 2005)|La guerra dei mondi]]'' (2005).]]
 
Il mattino seguente l'esercito circonda il cratere dove è caduto il cilindro mentre ne cade un altro nei boschi vicini. Durante il mattino il protagonista ode degli spari di mitragliatrici e di cannoni provenienti da entrambi i cilindri caduti, fino a quando vede i boschi bruciare e un campanile crollare. Quindi ildecide protagonistadi portaportare la moglie al sicuro a casa dei suoi parenti a [[Leatherhead]], finché la minaccia non verrà eliminata. Al suo ritorno di sera, però, scopre che i sobborghi sono deserti ma intatti fino a che non si ritrova davanti tre gigantesche macchine da combattimento a tre gambe, i "''Tripodi''", costruiti dai marziani la notte prima: sono. armatiArmati di raggio di calore, e possonodi ancheuno sparare unstrano fumo nero tossico., Queste macchinequeste hanno facilmente sconfitto l'esercito che le circondava, per poi procedere ad attaccare le città vicine. Nel tentativo di sfuggire ai tripodi, il protagonista commette un'imprudenza, e il carro su cui si stava spostando si rovescia, spezzando l'osso del collo al cavallo. Lui fugge in un fossato e su un colle boscoso, dove si sono diretti i marziani, nella direzione di casa sua. Durante il viaggio si imbatte nel cadavere del bottegaio, a cui aveva promesso il carro, scaraventato contro una staccionata con l'osso del collo rotto.
 
Il protagonista, dopo essere tornato a casa, si affaccia alla finestra del suo studio e si trova davanti ad uno scenario post-apocalittico: a sinistra Woking distrutta tranne la stazione, al centro gli alberi scomparsi e le ombre dei Tripodi in lontananza, e a destra la landa, un treno e il campanile distrutti e dei campi in fiamme. Mentre è affacciato, il protagonista incontra un artigliere in ritirata, che entra nel suo giardino, per poi essere accolto come ospite. Il soldato, in preda ad una crisi, lo informa che un altro cilindro marziano è atterrato tra Woking e Leatherhead, tagliando la strada al protagonista verso la moglie. I due cercano di fuggire, ma si separano sul [[Tamigi]] dove una gran folla sta tentando di salire su un traghetto per fuggire. Compare uno dei Tripodi, che viene però abbattuto dall'artiglieria britannica, e i pezzi del cannone laser danneggiato cadono nel fiume facendolo ribollire. Altri intanto, compreso il protagonista, cercano di attraversare il Tamigi in barca per arrivare nella regione del [[Middlesex]], mentre i marziani si ritirano.
 
Altri cilindri marziani cadono su tutta l'Inghilterra meridionale e a Londra scoppia il panico più totale. Il fratello del protagonista (i suoi fatti sono raccontati in contemporanea malgrado egli non sia col fratello, tramite il racconto postumo agli avvenimenti detti al protagonista) scappa su un battello dopo che Londra viene ricoperta dal fumo nero. L'[[ariete torpediniere]] ''Folgorante'' riesce ad abbattere due Tripodi, prima di affondare. Ciò nonostante, il fratello del protagonista, insieme a due compagne di viaggio incontrate per strada, riescono a sbarcare nell'Europa continentale. Poco dopo, tutta la resistenza militare viene abbattuta e i Tripodi vagano ormai ovunque in Gran Bretagna e in Irlanda, catturando gli umani per potersi cibare del loro sangue. Una strana [[Rampicante|pianta rampicante]] rossastra, simile all'[[erica]], ricopre il paesaggio danneggiando l'[[ecologia]] ingleseterrestre, segno che i marziani hanno iniziato un'operazione di [[terraformazione]] per rendere il pianeta Terra simile al proprio.
 
Il protagonista, che nel frattempo si era rifugiato in un edificio in rovina sulle sponde del Tamigi, incontra un [[Pastore (religione)|pastore]] impazzito per il trauma dell'invasione. Egli è convinto che i marziani siano creature [[Satanismo|sataniche]] giunte per annunciare l'[[Armageddon]]. Nei giorni seguenti, il protagonista e il pastore vagano fino ad una casa abbandonata, dove però un altro cilindro precipita nelle immediate vicinanze, e così i due possono spiare per qualche giorno cosa fanno i marziani. Il protagonista cerca disperatamente di calmare il pastore per non attirare i Tripodi. Ma un giorno il pastore esce allo scoperto urlando evasioni evangeliche, e il protagonista è costretto a colpirlo facendogli perdere i sensi, nascondendosi nella [[carbonaia]], mentre il corpo del pastore viene trascinato via dai marziani. Più tardi, il protagonista si reca verso il centro di Londra. Qui ritrova l'artigliere ritirato, in preda a [[schizofrenia]], che scava una buca per attuare i suoi piani per la futura resistenza, che sarebbe dovuta svolgersi nei sotterranei della città. Il protagonista prosegue lasciando il soldato ai suoi deliri.
 
Il protagonista alla fine decide di uccidersi gettandosi verso i Tripodi. Scopre però con sorpresa che i marziani, insieme alla pianta rossa, sono morti a causa dei [[batteri]] dell'atmosfera terrestre, ai quali gli umani sono immuni. Gli uomini iniziano a ripopolare il paese e il clima ingleseterrestre ritorna normale. Nel finale, il protagonista torna a casa sua ricongiungendosi con la moglie, che credeva morta e viceversa.
 
== Il finale alternativo ==
Utente anonimo