Apri il menu principale

Spiridon di Pečerska

monaco ucraino
Santo Spiridon di Pečerska
Saint Spyridon and Saint Nicodemus of Kyiv Caves.jpg
San Spiridon raffigurato insieme a San Nicodemo nell'atto di realizzare le prososfora
 

Monaco

 
Venerato daChiesa ortodossa russa
Santuario principaleGrotte vicine
Ricorrenza31 ottobre, 28 settembre
AttributiPrososfora

Spiridon di Pečerska (... – Monastero delle grotte di Kiev, XII secolo) è stato un monaco cristiano ucraino, vissuto al tempo dell'abate Pimen (1132-1141). È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa russa che ne celebra la memoria il 31 ottobre e il 28 settembre.

BiografiaModifica

La sua agiografia è contenuta nei Pateriki del Monastero delle Grotte di Kiev, redatti tra l'XI e il XIII secolo.

Descritto dai testi come "ignorante ma non stupido", Spiridon aveva come compito all'interno del Monastero delle grotte di Kiev quello di preparare l'impasto e la realizzazione delle Prososfora, il pane eucaristico della liturgia ortodossa. Nonostante fosse completamente analfabeta, i Pateriki raccontano che avesse imparato a memoria una grandissima quantità di Salmi che cantava nell'adempimento del proprio lavoro.

CultoModifica

Già in vita gli furono attribuiti diversi miracoli, tanto da renderlo oggetto di devozione dai cittadini di Kiev e dagli altri monaci. In particolare si narra che una volta gli fosse andata completamente a fuoco la tonaca che indossava. Spento l'incendio leggenda vuole che non solo non avesse sul corpo alcuna bruciatura ma che la tonaca stessa fosse rimasta perfettamente integra.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica