Apri il menu principale

La clausola dello star del credere era tipica del contratto di agenzia, seppure ne rappresentasse elemento accidentale, e prevedeva nelle linee generali che l'agente, oltre a non percepire alcuna provvigione per gli affari non onorati dal pagamento, doveva rifondere parzialmente il proponente della perdita subita. La nuova normativa, approvata con legge comunitaria del 1999, ha modificato lo star del credere, di fatto cancellandolo: la pattuizione dello star del credere a svantaggio dell'agente è stata vietata, così come garanzia totale o parziale rispetto all'inadempimento del terzo contraente. Questa garanzia può essere prestata dall'agente solo alle seguenti condizioni:

  • deve trattarsi di un'eccezione;
  • deve essere concordata tra le parti di volta in volta;
  • deve riguardare singoli affari individualmente determinati;
  • detti affari devono essere di particolare natura ed importo;
  • l'onere a carico dell'agente non può essere di importo superiore alla provvigione che a questi sarebbe spettata qualora non vi fosse stato l'inadempimento del terzo contraente;
  • a vantaggio dell'agente deve essere previsto un apposito corrispettivo.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto