Apri il menu principale
Oriago
stazione ferroviaria
Oriago ST.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàOriago
Coordinate45°27′02.52″N 12°09′49.32″E / 45.4507°N 12.1637°E45.4507; 12.1637Coordinate: 45°27′02.52″N 12°09′49.32″E / 45.4507°N 12.1637°E45.4507; 12.1637
Lineeferrovia Adria-Mestre
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante
Stato attualeIn uso
Binari2 (di cui 1 per il servizio passeggeri)

La stazione di Oriago è una stazione ferroviaria di superficie situata nel territorio comunale di Mira sulla Ferrovia Adria-Mestre

Indice

StoriaModifica

 
Stazione ferrotranviaria di Oriago, nel 1931
 
Il binario secondario e il magazzino merci
 
La torre dell'acqua
 
La Stazione con il treno Adria-Mestre in transito

La stazione fu inaugurata nel 1931, contestualmente alla deviazione della tranvia Padova-Malcontenta-Fusina realizzata per connettere la stessa con la nuova ferrovia per Adria e Mestre.

Rispetto all'originario tracciato questa e si manteneva lungo la strada sulla riviera del Brenta, con un breve tratto in sede proprio che volgeva verso est veniva impegnato il sedime della nuova ferrovia Adria-Mestre, giungendo alla relativa stazione ferroviaria nella quale i binari 3, 4 e 5 erano elettrificati per il servizio tranviario[1]; la linea si distaccava dalla ferrovia seguendo il tracciato di quella che in seguito sarebbe diventata via Veneto[2].

Nel 2006, nell'ambito del progetto del servizio ferroviario metropolitano del Veneto, l'impianto subì un profondo rinnovamento, per adeguarla ai nuovi standard e alle maggiori frequenze previste per il servizio.

Strutture e impiantiModifica

La stazione, gestita da Sistemi Territoriali come l'intera linea, si trova tra le stazioni di Mira Buse e di Venezia Mestre Porta Ovest ed è dotata di 2 binari (di cui uno risulta ancora scollegato dalla rete), sottopassaggio e impianto ACEI automatico di tipo semplificato.

Fino al 1954 erano presenti altri tre binari, elettrificati, ed un terzo marciapiede tra il quarto e il quinto binario, al servizio della citata tranvia per Padova, Fusina e Mestre. Durante la Seconda guerra mondiale era altresì presente un deposito locomotive, di cui sopravvive ancora la torre dell'acqua, posto a sud dei binari di corsa dall'altro lato del magazzino merci rispetto al fabbricato viaggiatori.

I lavori condotti nel 2006 comportarono l'installazione di pensiline, stalli per le biciclette la predisposizione per una fermata di interscambio del servizio automobilistico. I preesistenti marciapiedi, uno laterale e uno ad isola, furono inoltre sostituiti da due banchine laterali di maggiore lunghezza e rialzate per permettere un'accessibilità migliore ai treni, collegate fra loro da un sottopassaggio.

MovimentoModifica

La stazione è servita dalle corse regionali svolte da Sistemi Territoriali nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione del Veneto.

NoteModifica

  1. ^ M. Bottazzi, op. cit., p. 44
  2. ^ Primi sbuffi di fumo della "vaca mora", notizia apparsa su la gazzetta di Venezia, 29 ottobre 1931, consultabile sulla rivista Rive Archiviato il 27 giugno 2013 in Internet Archive., n. 8.

BibliografiaModifica

  • Francesco Ogliari, La tranvia Padova Fusina, in Tuttotreno&Storia 3, Albignasego, Duegi Editrice, 2000.
  • Marco Bottazzi, La tramvia Padova-Piove di Sacco, in Binari nel Polesine, Calosci, Cortona, 1995, pp. 26–33. ISBN 978-88-7785-107-9.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica