Apri il menu principale
Stilo bronzeo di età romana rinvenuto a Tiel.

Lo stilo era un antico strumento impiegato per l'attività scrittoria, consistente in un’asticella generalmente di legno, osso o metallo[1]. Si presentava appuntito ad un'estremità, per incidere il supporto - normalmente una tavoletta cerata - mentre dalla parte opposta era piatto, così da raschiare la superficie di scrittura e poter riscrivere[2].

Dallo stilo, per senso traslato, deriva il termine stile.

NoteModifica

  1. ^ Ovidio,Metamorphoseon libri, IX, 521; Marziale, Epigrammaton libri, XIV, 21; Quintiliano, Institutio oratoria, I, 27
  2. ^ Plauto, Bacchides, IV, 4, 63; Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, XXXIV, 14

Altri progettiModifica