Apri il menu principale

Il successo riproduttivo è definito come il passaggio di geni nella generazione successiva in modo che anch'essi possano trasmettere geni consequenzialmente il più possibile. In pratica, si tratta di una sorta di conteggio del numero di figli prodotto da un individuo. Una definizione più corretta, che incorpora la fitness altruista, è la produzione relativa di figli fertili da parte di un genotipo. Per esempio, i figli generati come risultato di un accoppiamento normale sono un esempio di successo riproduttivo, perché anche loro possono trasmettere materiale genetico alla generazione successiva. Invece la nascita di un mulo come risultato dell'accoppiamento di un cavallo con un asino non è esempio di successo riproduttivo, poiché il mulo è sterile e perciò incapace di continuare la linea germinale.

Il successo riproduttivo è parte del calcolo della fitness ed elemento chiave nelle teorie della selezione naturale e dell'evoluzione.

BibliografiaModifica

  • T. H. Clutton-Brock (ed.) (1990). Reproductive Success: Studies of Individual Variation in Contrasting Breeding Systems, University Of Chicago Press.

Voci correlateModifica

  Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia