Superwoobinda

Superwoobinda
AutoreAldo Nove
1ª ed. originale1998
GenereRacconti
Lingua originale italiano

Superwoobinda è una raccolta di racconti di Aldo Nove pubblicata nel 1998. È diviso in due parti, la prima consiste fondamentalmente nella sua terza opera Woobinda (pubblicata da Castelvecchi due anni prima, nel 1996) che contiene 50 racconti, la seconda è divisa in due capitoli e contiene 52 racconti. La raccolta è uno dei libri più rappresentativi del movimento letterario italiano definito dal gruppo di scrittori detti Cannibali. Se nella prima parte sono presenti molteplici protagonisti, uno diverso per ogni racconto, i racconti della seconda hanno quasi sempre come protagonista l'autore stesso.

Indice

WoobindaModifica

Con Woobinda, Nove vuole raccontare il mondo che lo circonda[1], evidenziando le caratteristiche più universalmente condannabili eppure così morbosamente diffuse della società, sempre più legata al consumismo e con un rapporto innaturale con la televisione. Nei protagonisti dei suoi racconti emerge una forte alienazione caratterizzata da perversioni, crudeltà, pornografia e perdizioni. Sin da quando è uscito, nel 1996, il libro ha suscitato un notevole interesse nel pubblico, perlopiù giovanile. Uno dei racconti contenuti in Woobinda: Il mondo dell'amore, è stato inserito nell'antologia Gioventù cannibale[2] insieme ad altri racconti di altri autori emergenti di quel periodo. Il titolo del libro è un omaggio all'omonima serie televisiva australiana: "Woobinda", la quale viene citata insieme alla relativa sigla in uno dei racconti della raccolta.[3]

NoteModifica

EdizioniModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura