Apri il menu principale

Il tackle («contrasto» in inglese) è un'azione tipica degli sport di squadra in cui è previsto il contatto fisico.[1]

Football americanoModifica

 
Un doppio tackle (assist) eseguito dai giocatori in maglia bianca durante una gara di football.

Nel football americano e nel rugby, consiste in un placcaggio che un giocatore effettua sull'avversario in possesso di palla.[1] Se eseguito da un singolo atleta è chiamato «solo», mentre viene definito «assist» un placcaggio collettivo.[2]

CalcioModifica

Nel calcio viene così chiamato l'intervento, in scivolata, con cui il calciatore tenta di sottrarre il pallone all'avversario che ne è in possesso.[1][3] L'invenzione dei tackle è attribuita all’Italiano Schiaffino.[4]

Si tratta di un intervento particolarmente rischioso poiché se il giocatore, nell'eseguire la scivolata, colpisce un avversario anziché il pallone commette un fallo da ammonizione.[1] Il tackle da dietro viene invece sanzionato con il cartellino rosso.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Enciclopedia dello Sport, Garzanti Libri, 2008, p. 1670, ISBN 9788811505228.
  2. ^ (EN) Tackle Assists, su sportingcharts.com.
  3. ^ Mauro Casaccia, Gli uomini del tackle (compresa la cabezona), su ilsecoloxix.it, 21 luglio 2010.
  4. ^ Fabio Bianchi, Gaetano Imparato e Alberto Cerruti, «Aveva il senso della squadra», in La Gazzetta dello Sport, 14 novembre 2002.
  5. ^ Fulvio Bianchi, Attenti al tackle da dietro a lezione dal prof. Collina, su repubblica.it, 10 giugno 1998.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85131860
  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport