Nella biologia degli invertebrati il tagma (plurale tagmi o anche tagmata)[1] raggruppa più segmenti di una particolare e differenziata regione del corpo.

Il termine deriva dal greco τάγμα, tàgma, che significa ordinamento, disposizione, ad indicare appunto la disposizione dei vari segmenti in una determinata regione del corpo di un artropode.

I segmenti di ogni tagma possono essere fusi in un unico blocco, come accade nei ragni, e in questo caso si parla di coalescenza, oppure mobili, come ad esempio negli Ortotteri.

A seconda del gruppo di Artropodi considerato avremo differenti suddivisioni in tagmata:

Il processo evolutivo che consente la fusione dei segmenti in tagmata o la loro reciproca articolazione è detto tagmosi.

NoteModifica

  1. ^ tagma, su Vocabolario - Treccani. URL consultato il 22 dicembre 2018.

FontiModifica

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi