Tanga

mutandina simile allo slip
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine tanga, vedi Tanga (disambigua).

Un tanga è un tipo di biancheria intima, consistente in una parte anteriore triangolare di tessuto e da una striscia sottile nella parte posteriore[1][2]. Viene spesso confuso con il perizoma, che invece è leggermente più coprente[2] e anche con lo slip brasiliano. Secondo altri, il termine definisce invece uno slip di dimensioni più ridotte nella parte posteriore, che risulta più coprente di un perizoma ma meno coprente di uno slip brasiliano.[3] Altri ancora osservano che le differenze tra tanga e perizoma sono minime, per cui si possono considerare semplicemente come due varianti dello stesso tipo di indumento.[4]

Una donna che indossa un tanga.
Donna in tanga vista di fronte.
Tanga a T.

Origine ed evoluzioneModifica

Il nome tanga deriva da quello di un ornamento tipico della cultura detta di Marajó (Brasile settentrionale) che viene ancora utilizzato da alcuni gruppi abitanti alla foce del Rio delle Amazzoni. Il tanga è costituito, nella parte anteriore, da una placchetta di ceramica a forma triangolare tenuta sospesa da una cordicella passante per due fori praticati lungo la base; il fianco dell'indumento, pertanto, è costituito unicamente da detta cordicella.

Secondo alcune fonti la grande popolarità dell'indumento deriva da una ragazza brasiliana, Rose di Primo, che avrebbe tagliuzzato il suo costume per farsi notare a una festa nella spiaggia di Ipanema, a Rio de Janeiro, nel 1972[5]. Il clamore ottenuto dall'esibizione della ragazza avrebbe avviato la diffusione del succinto indumento sulle spiagge del Brasile.

È molto diffuso soprattutto come parte di costumi da bagno due pezzi, in quanto grazie alla sua essenzialità riduce al minimo la parte di addome, schiena e fianchi coperti, consentendo un'abbronzatura molto estesa anche se non integrale.

Un tipo particolare di tanga è il whale-tail (in italiano coda di balena) dove il filo posteriore termina con un triangolo la cui forma ricorda la coda di una balena; è chiamato anche "tanga a Y", mentre il tanga costituito solo dal filo posteriore è chiamato "tanga a T".

 
Whale-tail: tanga su una donna (nella foto a sinistra) e tanga su un uomo (nella foto a destra) che sporgono da pantaloni a vita bassa.

NoteModifica

  1. ^ Tanga sul Vocabolario Treccani
  2. ^ a b Quali sono le differenze tra tanga e perizoma, su lettera43.it. URL consultato il 9 settembre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  3. ^ Differenza tra perizoma e tanga
  4. ^ Non ci sono differenze tra tanga e perizoma
  5. ^ Buon compleanno, tanga!

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda