Apri il menu principale

Tania Australis

stella nella costellazione dell'Orsa Maggiore
Tania Australis
Tania Australis
Ursa Major IAU.svg
ClassificazioneGigante rossa
Classe spettraleM0III
Distanza dal Sole249 ± 14 anni luce
CostellazioneOrsa Maggiore
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta10h 22m 19,7s
Declinazione+41° 29′ 58″
Dati fisici
Raggio medio74,7 R
Massa
2,2 M
Temperatura
superficiale
3900 K (media)
Dati osservativi
Magnitudine app.3,06 (media)
Magnitudine ass.-1,35
Moto proprioAR: -81,47 mas/anno
Dec: +35,34 mas/anno
Velocità radiale-21,30
Nomenclature alternative
Tania Australis, Alkafzah Australis, Alkafzah al Thaniyah, μmi; UMa, 34 UMa, HR 4069, HD 89758, BD+42 2115, FK5 386, HIP 50801, SAO 43310, GC 14232

Coordinate: Carta celeste 10h 22m 19.7s, +41° 29′ 58″

Tania Australis (UMA μ / μ Ursae Majoris / Mu Ursae Majoris) è una stella nella costellazione dell'Orsa Maggiore. Ha anche i nomi tradizionali di Tania Australis, e Alkafzah Australis. Tania Borealis e Tania Australis rappresentano "il piede sinistro" dell'Orsa.

Tania Australis è una gigante rossa con una magnitudine apparente di +3,06. Si trova a circa 249 anni luce dalla Terra. È stata classificata come stella variabile e la sua luminosità varia dalla magnitudine +3,33 a +2,99.

Caratteristiche fisicheModifica

È una stella in fase avanzata della sua evoluzione, ha terminato l'idrogeno nel suo nucleo ed ora si sta contraendo per poi iniziare la fusione dell'elio in elementi più pesanti, tramite il processo tre alfa. Ha una massa poco più del doppio rispetto a quella del Sole ma si è già espansa enormemente e il raggio è aumentato a 75 volte quello solare, a fronte di una bassa temperatura superficiale di soli 3900 K. La luminosità, tenendo conto della radiazione infrarossa emessa, è di oltre 1000 volte quella del Sole. [1]

Osservazioni spettroscopiche hanno stabilito che si tratta di una stella doppia con una compagna a 1,5 UA dalla prima con un periodo di rotazione di 230 giorni[2].

NoteModifica

  1. ^ Massarotti, Alessandro; Latham, David W.; Stefanik, Robert P.; Fogel, Jeffrey, Rotational and Radial Velocities for a Sample of 761 HIPPARCOS Giants and the Role of Binarity, in Astronomical Journal, vol. 135, nº 1, 2008, pp. 209-231.
  2. ^ Jim Kaler, Tania Australis, Università dell'Illinois.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni