Apri il menu principale
Tatzates o Tayzatios
? – 785
Etniaarmena
ReligioneCristiano di rito ortodosso-bizantino
Dati militari
Paese servito
Forza armataEsercito bizantino
Gradostrategos, generale
CampagneInvasione abbaside dell'Asia Minore (782)
voci di militari presenti su Wikipedia

Tatzates, o Tayzatios (Τατζάτης o Τατζάτιος, (... – 785), è stato un generale bizantino, di discendenza armena, che nel 782, mal tollerando il governo della basilisa Irene d'Atene, disertò in favore degli Abassidi e venne nominato governatore di Armenia.

BiografiaModifica

Tatzates apparteneva alla nobile famiglia armena degli Andzevatsi. Intorno agli anni 750, arrivò nell'Impero bizantino entrando al servizio dell'imperatore Costantino V (r. 741–775).[1][2] Sotto Costantino V, combatté contro i bulgari, raggiungendo il grado di strategos (generale e governatore di un thema) intorno al 760. Non è noto quale thema comandasse, ma nel 776 guidò il Boukellarion.[1][2][3] Nello stesso anno, guidò l'esercito in una vittoriosa campagna contro gli Arabi, raggiungendo Samosata. Nel 778, prese parte alla fortunata campagna contro Kahramanmaraş sotto il comando di Michael Lachanodrakon, e nel 781 combatté, nuovamente sotto Lachanodrakon, nella vittoriosa campagna contro Cesarea nel corso di una invasione araba guidata da 'Abd al-Kabir.[1][2][4]

Nel 782, Il figlio del califfo abbaside, Hārūn al-Rashīd (califfo dal 786 al 809), lanciò una campagna contro l'Impero bizantino e invase l'Asia Minore. L'imperatrice Irene d'Atene, che regnava su Bisanzio, inviò le su truppe, al comando dell'eunuco logoteta Stauracio, per tagliare la ritirata ad Harun e circondare il suo esercito; gli abbasidi si erano infatti spinti fino a Chrysopoli, sul Bosforo, da cui si poteva osservare la capitale bizantina Costantinopoli. Tuttavia la manovra bizantina fallì. Tatzates scelse questo momento per passare dalla parte di Harun con molti dei suoi uomini. La diserzione, venne tenuta segreta per un po', consentendo ad Harun di catturare gli inviati bizantini, compreso Stauracio, che erano andati per negoziare una tregua. Il comandante abbaside fu quindi in grado di dettare termini duri all'imperatrice-reggente Irene.[1][2][5]

Le ragioni della diserzione non sono del tutto chiare. Teofane Confessore cita l'odio di Tatzates per il favorito di Irene, Stauracio, mentre lo storico armeno Ghevond Yerets, più plausibilmente, suggerisce che aveva perso il favore a corte e temeva la sostituzione imminente come parte della politica di Irene per rimuovere dal potere tutti i generali iconoclasta del precedente imperatore Costantino V.[1][3][6] Teofane dice ancora che nella sua diserzione, Tatzates lasciò la moglie e tutti i suoi beni, e che solo successivamente venne raggiunto, dopo la firma della pace. Fonti armene, tuttavia, riferiscono che li portò con sé quando disertò.[1][2] Harun nominò Tatzates governatore dell'Armenia (principati transcaucasici) ma egli venne poi ucciso in una campagna contro i cazari nel 785.[1][2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Kazhdan,  p. 2014.
  2. ^ a b c d e f Winkelmann, Lilie, Ludwig e Pratsch,  pp. 320–321.
  3. ^ a b Treadgold,  p. 69.
  4. ^ Treadgold,  pp. 66–67.
  5. ^ Treadgold,  pp. 67–69.
  6. ^ Garland,  p. 77.

BibliografiaModifica