Apri il menu principale

Teenagers from Outer Space

film del 1959 diretto da Tom Graeff
Teenagers from Outer Space
Teenagersouterspace.jpg
Titolo originaleTeenagers from Outer Space
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1959
Durata86 min
72 min (DVD)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.85 : 1
Generefantascienza
RegiaTom Graeff
SceneggiaturaTom Graeff
ProduttoreTom Graeff
Casa di produzioneTom Graeff Productions
FotografiaTom Graeff (non accreditato)
MontaggioTom Graeff
Interpreti e personaggi

Teenagers from Outer Space è un film del 1959 diretto da Tom Graeff.

TramaModifica

Derek, giovane alieno, si innamora dell'adolescente terrestre Betty Morgan ed insieme cercano di fermare i piani della sua gente, intenzionata ad invadere la Terra per trasformarla in una riserva di cibo per le aragoste giganti dal loro pianeta.

ProduzioneModifica

Teenagers from Outer Space venne girato ad Hollywood e dintorni, con numerosi punti di riferimento come Bronson Canyon in Griffith Park e la Hollywood High School. Un aspetto notevole del film è che esso è stato in gran parte l'opera di una sola persona, Tom Graeff che, oltre a svolgere il ruolo del giornalista Joe Rogers, ha scritto, diretto, curato e prodotto il film. I produttori Bryan e Ursula Pearson e Gene Sterling hanno fornito il budget del film di 14.000 dollari.

DistribuzioneModifica

Nel giugno del 1958 Bryan Pearson, che investì 5.000 dollari nella produzione del film insieme alla moglie Ursula, ha portato Graeff in tribunale per ottenere il rimborso dell'investimento originale ed una percentuale di tutti i profitti. I Pearsons avevano appreso che Graeff avrebbe venduto il film (inizialmente intitolato The Boy From Out of This World),[1] cosa non sarebbe poi accaduta fino all'inizio del 1959. La controversia legale durò per un anno. Pearson ha riavuto indietro il suo investimento di 5.000 dollari, ma il giudice stabilì che non c'era alcun profitto da condividere. Tom e i Pearsons, che erano stati buoni amici durante la produzione del film, ruppero i rapporti di amicizia e non si parlarono mai più.[2]

Il film non riuscì ad imporsi al botteghino, mettendo ulteriormente sotto pressione un già abbastanza gravato Graeff che nell'autunno del 1959 perse la ragione arrivando ad affermare di essere Cristo tornato sulla Terra.[3] Dopo una serie di apparizioni pubbliche, seguita da un successivo arresto per aver interrotto un servizio in chiesa, Graeff scomparve da Hollywood fino al 1964. Commise suicidio nel 1970.

NoteModifica

  1. ^ p.72 Ryfle, Steve Japan's Favorite Mon-star: The Unauthorized Biography of "The Big G" ECW Press, 1998
  2. ^ Los Angeles County Superior Court Records, Case No. 702 320, July 3, 1959
  3. ^ Read Before Printing (Time), 11 gennaio 1960. URL consultato il 28 gennaio 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica