Apri il menu principale

Telegramma Riegner

Prima comunicazione che avvisava gli alleati dell’Operazione Reinhard

1leftarrow blue.svgVoce principale: Olocausto.

Riegner Telegram

Il Telegramma Riegner (Rieger Telegram), fu la prima comunicazione che avvisava gli alleati dell’imminente Operazione Reinhard[1], confermando di fatto i rapporti sull'intenzione tedesca di sterminare in massa gli ebrei europei.

StoriaModifica

Il messaggio telegrafico fu inviato l'8 agosto del 1942 da Gerhart M. Riegner[2], avvocato tedesco esiliato in Svizzera e allora segretario del Congresso ebraico mondiale (World Jewish Congress-WJC) di Ginevra, al rappresentante statunitense Rabbi Stephen Wise di New York e al britannico Sydney Silverman di Londra, membro del parlamento britannico, rappresentanti anch’essi del WJC. Riegner fu informato della Soluzione finale dall’industriale tedesco Eduard Schulte[3], molto vicino ad alti esponenti della Germania nazista, e a conoscenza della Conferenza di Wannsee. Il telegramma fu poi esteso, sempre nell'agosto del 42, ai governi di Londra e Washington.

(EN)

«Received alarming report stating that, in the Fuehrer's Headquarters, a plan has been discussed, and is under consideration, according to which all Jews in countries occupied or controlled by Germany numbering 3½ to 4 millions should, after deportation and concentration in the East, be at one blow exterminated, in order to resolve, once and for all the Jewish question in Europe. Action is reported to be planned for the autumn. Ways of execution are still being discussed including the use of prussic acid. We transmit this information with all the necessary reservation, as exactitude cannot be confirmed by us. Our informant is reported to have close connexions with the highest German authorities, and his reports are generally reliable. Please inform and consult New Yor»

(IT)

«Ricevuto un rapporto allarmante che affermava che nel quartier generale del Fuehrer è stato discusso, ed è al vaglio, un piano secondo il quale tutti gli ebrei dei paesi occupati, o controllati dalla Germania, nel numero dai 3 ai 4 milioni, dovrebbero, dopo deportazione e detenzione nei campi di concentramento, essere sterminati, al fine di risolvere, una volta per tutte la questione ebraica in Europa. Si prevede che l'azione sia pianificata per l'autunno. I modi di esecuzione sono ancora in discussione, incluso l'uso dell'acido prussico[4]. Trasmettiamo queste informazioni con tutta la cautela necessaria, poiché l'esattezza delle informazioni non può essere confermata. Il nostro informatore ha rapporti stretti con le più alte autorità tedesche e le sue relazioni sono generalmente affidabili. Si prega di informare e consultare New York.»

(Gerhart M. Riegner, Telegramma Riegner)

Tuttavia in Inghilterra e negli Stati Uniti, il telegramma fu accolto con scetticismo, malgrado le notizie di esecuzioni di massa in Polonia e sul fronte europeo orientale, tanto che il Dipartimento di Stato Americano considerò la notizia come "una voce alimentata dalle ansie degli ebrei"[5], mentre il Ministero degli Esteri britannico non inoltrò il telegramma.

NoteModifica

  1. ^ Le deportazioni nei centri di sterminio, su ushmm.org. URL consultato il 1º dicembre 2017.
  2. ^ Gerhart Moritz Riegner annunciò invano lo sterminio degli ebrei europei., su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 30 novembre 2017.
  3. ^ Sara Fantini, Notizie dalla Shoah: la stampa italiana nel 1945, Pendragon, 2005.
  4. ^ L’azienza che produce lo Zyklon B esiste ancora, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 30 novembre 2017.
  5. ^ Arnoud-Jan Bijsterveld, House of Memories: Uncovering the Past of a Dutch Jewish Family, Hilversum Verloren Tilburg Zuidelijk Historisch Contactt, 2016.