Apri il menu principale

Il termoconvettore (detto anche termosifone) è un impianto termico che sfrutta il meccanismo della convezione per il suo funzionamento ovvero il riscaldamento di un ambiente chiuso.[1]

Indice

ClassificazioneModifica

In base alla loro collocazione, esistono due tipologie costruttive di termoconvettori: quelli da posizionare a parete e quelli da posizionare su pavimento.[2]

In riferimento al mezzo utilizzato per riscaldare l'aria, si possono individuare tre tipologie:[2]

  • termoconvettore ad acqua
  • termoconvettore elettrico
  • termoconvettore a gas.

Si parla inoltre di ventilconvettore (o termoventilatore o termoconvettore ventilato) riferendosi a un particolare termoconvettore (elettrico, ad acqua o a gas) in cui l'aria viene fatta circolare per convezione forzata grazie all'utilizzo di una ventola.[3]
In tal caso, la temperatura può essere controllata regolando la velocità di rotazione delle pale della ventola.

Termoconvettore ad acquaModifica

Un termoconvettore ad acqua (o a vapore) è costituito principalmente da un involucro in materiale metallico, che racchiude dei tubi alettati all'interno dei quali si ha il passaggio di un fluido (acqua o vapore);[4] nello spazio tra i tubi e l'involucro esterno si ha il passaggio di calore dai tubi all'aria circostante (essendo il fluido all'interno dei tubi più caldo dell'aria circostante); l'aria viene quindi fatta circolare all'esterno per convezione naturale (senza utilizzare alcuna ventola) o per convezione forzata (nel caso in cui si utilizzi una ventola).

Sono presenti inoltre dei filtri per impedire che la polvere presente nell'ambiente si innalzi assieme all'aria circolata dal termoconvettore.[2]

Termoconvettore elettricoModifica

Il termoconvettore elettrico, a differenza dei termoconvettori ad acqua, utilizza delle resistenze elettriche (al posto dei tubi) per il riscaldamento dell'aria appoggiandosi dunque all'energia elettrica come fonte di energia.[2]

Tali dispositivi hanno generalmente dimensioni più contenute rispetto ai termoconvettori ad acqua e sono più indicati per riscaldare ambienti più ristretti.

Termoconvettore a gasModifica

Nei termoconvettori a gas l'aria viene riscaldata attraverso un bruciatore a metano.[2]

VantaggiModifica

  • Facilità nell'installazione.
  • Posizionabile in qualsiasi punto dell'ambiente.
  • Possibilità di raffreddare e riscaldare.

SvantaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ Rossi, p. 580.
  2. ^ a b c d e Termoconvettore Archiviato il 19 luglio 2012 in Internet Archive.
  3. ^ Rossi, p. 596.
  4. ^ Treccani, termoconvettore

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica