Terremoto di Lombok del 2018

Terremoto di Lombok del 2018
Joko Widodo Lombok Earthquake damage.jpg
Il presidente indonesiano Joko Widodo in visita sui luoghi del terremoto di Lombok
DataNotte tra il 5 e il 6 agosto 2018
Ora19:45
Magnitudo Richter6.9
Profondità6.4 km
Nazioni colpiteIndonesia Indonesia Nusa Tenggara Occidentale
Vittime20 (prima scossa)
460 (seconda scossa)

Totale: 480

Il terremoto di Lombok del 2018 è stato un terremoto che ha colpito isola di Lombok in Indonesia e le aree circostanti, con epicentro nell'isola, attraverso due macroscosse sismiche avvenute la prima la mattina del 29 luglio 2018 ad una profondità di 6,4 km con magnitudo di 6.4 causando 20 morti[1] e la seconda il 5 agosto 2018 con una magnitudo di 7.0 causando 460 morti.[2]

Prima scossa del 29 luglioModifica

Nel primo terremoto del 29 luglio 2018 sono stati segnalati danni diffusi in tutta l'area dell'isola e le autorità hanno confermato che 20 persone sono state uccise durante il terremoto mentre circa 401 sono state ferite con 10.062 sfollati. L'epicentro era situato nel sottodistretto di Sembalun, nella zona orientale di Lombok.

Seconda scossa del 5 agostoModifica

 
Una moschea crollata a Lombok nella seconda scossa

Nel secondo terremoto del 5 agosto 2018 l'epicentro si trovava nell'entroterra, vicino al villaggio di Loloan nella zona nord di Lombok. Altre scosse sono state segnalate nelle vicine isole di Bali e Sumbawa.

Sono stati segnalati danni diffusi sia a Lombok che a Bali. I funzionari statali indonesiani hanno dichiarato che almeno l'80% delle strutture nel Lombok settentrionale sono state danneggiate o distrutte. A seguito del terremoto, 460 persone sono morte mentre più di 200 sono rimaste ferite, con più di 20.000 persone sfollate.

NoteModifica

  1. ^ Liputan6.com, Korban Jiwa Gempa Lombok Bertambah Jadi 20 Orang, in liputan6.com. URL consultato il 7 agosto 2018.
  2. ^ Terremoto in Indonesia, coppia di italiani di rientro: "Noi vivi per miracolo" - Asia, in ANSA.it, 5 agosto 2018. URL consultato il 7 agosto 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica