Apri il menu principale

Tertullo (praefectus urbi)

funzionario romano

Tertullo (latino: Tertullus; floruit 359-361; ... – ...) fu un funzionario dell'Impero romano, praefectus urbi tra il 359 e il 361.

BiografiaModifica

È possibile che Tertullo fosse il figlio dell'omonimo proconsole d'Africa del 326, e nipote di Attio Insteio Tertullo, praefectus urbi di Roma nel 307-308. Ebbe dei figli, che nel 359 erano ancora ragazzi.

Tertullo fu praefectus urbi di Roma tra il 359 e il 361. Nel 359, una penuria di grano colpì Roma, e la gente assalì ripetutamente e violentemente l'innocente Tertullo, dato che la penuria era dovuta alle condizioni atmosferiche insolitamente negative, che impedivano alle navi di attraccare nel porto di Traiano a Ostia. Tertullo tentò di calmare la plebe offrendole in lacrime i propri figli giovinetti, affinché li uccidessero per placarsi, ottenendo il proprio scopo (e salvando i propri figli). Mentre Tertullo stava sacrificando nel tempio di Castore e Polluce ad Ostia, la bonaccia si placò e le navi poterono entrare in porto col loro carico.[1]

Nel 361 Tertullo era ancora in carica, mentre al Senato fu letta una lettera del cesare Giuliano, auto-proclamatosi imperatore contro il cugino Costanzo II;[2] più tardi, quello stesso anno, Giuliano sostituì Tertullo con Massimo.[3]

NoteModifica

  1. ^ Ammiano Marcellino, Storie, XIX.10.1-4.
  2. ^ Ammiano Marcellino, XXI.10.7.
  3. ^ Ammiano Marcellino, XXI.13.25.

BibliografiaModifica

  • «Tertullus 2», PLRE I, pp. 882-3.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie