Apri il menu principale
Terza guerra anglo-birmana
parte delle guerre anglo-birmane
Third anglo-burmese war.jpg
La resa dell'esercito birmano ad Ava il 27 novembre 1885
Data7 novembre 1885 - 29 novembre 1885
LuogoBirmania centro-settentrionale
Casus belliImperialismo britannico
EsitoVittoria britannica
Modifiche territorialiLa Birmania entra a far parte dell'impero anglo-indiano
Fine della dinastia Konbaung
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
4.5009.000
Perdite
4.0002.500
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La terza guerra anglo-birmana (o terza guerra birmana) fu un conflitto durato dal 7 al 29 novembre 1885, anche se alcune sacche di resistenza perdurarono fino al 1887. Si trattò, quindi, della più breve delle tre guerre anglo-birmane.

A causa della crisi della Birmania sotto Thibaw Min della Dinastia Konbaung (1879) e della successiva tensione creatasi nuovamente fra i due stati, parte della popolazione inglese nell'attuale Myanmar fu costretta a fuggire. Oltretutto nel 1885 il consigliere francese M. Hass cominciò le trattative per costruire filiali di banche francesi in Birmania e causa del timore del governo inglese in India dell'intensificarsi dei rapporti fra le due nazioni il generale Harry Prendergast attaccò quel che rimaneva dell'impero konbaung. Oltre a questo interesse francese, anche un incipiente interesse italiano verso l'alta Birmania mosse gli inglesi.

Così cominciò l'invasione da sud, gestita sull'avamposto di Toungoo. Il 9 novembre le forze britanniche occuparono la capitale birmana Mandalay ed ebbero maggiori problemi a salire ulteriormente a nord causa le montagne e la guerriglia. Pertanto la città di Bhamo fu presa il 28 dicembre e l'invasione fu terminata quattro giorni dopo. Nonostante ciò continuarono le resistenze di alcuni villaggi fino al 1890, che furono sedate con la forza.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85018144