Apri il menu principale

Il Testamento di Isacco (in copto:ገድለ ፡ ይለሐቅ traslitterazione: Gädlä Yǝsḥaq) è un apocrifo dell'Antico Testamento pervenutoci in copto (sia in dialetto sahidico che in dialetto bohairico), arabo e ge'ez a partire da un prototesto perduto (probabilmente in greco), databile tra il II-V secolo d.C.

Indice

StoriaModifica

È il secondo dei cosiddetti "Testamenti dei Tre Patriarchi", tra i quali sono annoverati anche il Testamento di Abramo (dal quale esso deriva) e il Testamento di Giacobbe. Nonostante l'autore di tali testi sia identificato, negli incipit dei tre "Testamenti", nella figura di Atanasio di Alessandria tale attribuzione è puramente fittizia, in considerazione del fatto che dei testi in questione non appaiono trascrizioni al di fuori delle chiese Copta ed Etiope Ortodossa. Il testo era conosciuto anche presso i Beta Israel; della versione in lingua ge'ez in uso presso questo gruppo sopravvivono alcune copie risalenti al XVIII-XX secolo.

ContenutoModifica

Il testo sebbene fortemente connotato in senso cristiano nell'enfasi che pone sulla commemorazione delle morti di Abramo ed Isacco, eventi chiave nella chiesa copta, è di incerta origine. Alcuni studiosi supportano l'ipotesi dell'origine cristiana, piuttosto che giudaica diversamente dagli altri Testamenti dei Patriarchi, altri attribuiscono la composizione originaria ad elementi ebraici egizi.[1]

Contiene dialoghi di natura morale di Isacco morente con l'arcangelo Michele, cui segue il resoconto del suo viaggio attraverso l'inferno ed infine in paradiso dove incontra Dio e Abramo. Al termine dell'incontro Isacco viene trasportato nel suo letto, dove muore; la sua anima viene quindi portata su un sacro cocchio in paradiso. L'opera si caratterizza per l'enfasi posta sull'ascetismo e le opere buone.

NoteModifica

  1. ^ The Old Testament Pseudepigrapha, vol. 1, p. 904

BibliografiaModifica

  • (EN) Alessandro Bausi, Siegbert Uhlig (a cura di), Encyclopaedia Aethiopica, Harrassowitz Verlag, Wiesbaden, 2014
  • Ignazio Guidi (a cura di), "II testo copto del Testamento di Abramo, II Testamento di Isacco; e il Testamento di Giacobbe", Rendiconti della Reale Accademia dei Lincei, Classe di scienze morali, storiche e filologiche, Ser. V, Vol. IX, Roma 1900, 157-80, 224-64
  • (EN) Maurice Gaguine, "The Falasha Version of the Testaments of Abraham, Isaac and Jacob", Ph.D. thesis, Manchester 1965
  • (EN) W. F. Stinespring, "Testament of Isaac" in James H. Charlesworth (a cura di) "The Old Testament Pseudepigrapha", Doubleday, New York, 1983

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi