Thomas Degeorge

pittore francese

Christophe Thomas Degeorge (Blanzat, 8 ottobre 1786Clermont-Ferrand, 21 novembre 1854) è stato un pittore francese. Uno spazio nel museo d'arte Roger-Quilliot a Clermont-Ferrand è in gran parte dedicato a questo allievo di Jacques-Louis David.

La morte di Bonchamps

BiografiaModifica

Era figlio di un avvocato, Annet François Degeorge, che più tardi (1831-1841) fu giudice di pace a Clermont-Ferrand, e di Gilberte Vigeral, figlia di un notaio di Vertaizon [1]. Fin dall'infanzia, mostrò predisposizioni per il disegno. A otto anni, fu affidato a un rinomato maestro di disegno a Clermont, Gault de Saint-Germain [2] e all'età di dodici anni, era capace realizzare ritratti molto somiglianti e realizzati con meticolosità. A sedici anni, entrò a far parte della bottega di David.

Gilbert Chabrol de Volvic, allora prefetto della Senna, gli affidò la creazione di numerosi dipinti per chiese a Parigi: Una sepoltura di Cristo, il martirio di San Giacomo Minore, un Cristo alla colonna. Affrescò figure allegoriche per la sala delle udienze del tribunale commerciale di Parigi; assistette Vinchon per l'esecuzione degli affreschi nella cappella di Saint-Maurice nella chiesa di Saint-Sulpice. Non riuscì ad emergere, forse a causa di una malattia, nella competizione per il Prix de Rome.

Qualche tempo prima della Rivoluzione del 1830, iniziò la Morte di Bonchamps, il cui tema corrispondeva a una scelta personale e non ad una commissione; ma il soggetto, dopo gli eventi di luglio, non era più in accordo con lo spirito del tempo e ne interruppe la realizzazione. Non lo completò fino al 1837 per presentarlo poi alla mostra del Louvre; Marthe-Camille Bachasson, per paura di suscitare passioni politiche, rifiutò il dipinto ma, poco dopo, per conto dello Stato, acquistò l'opera che apprezzò a livello artistico, e la offrì alla città di Clermont-Ferrand. In compenso, affidò a Degeorge la realizzazione del Cristo nel Giardino degli Ulivi, per la chiesa di Sancerre.

In questo periodo, Degeorge lasciò Parigi e si stabilì a Clermont dove realizzò numerosi ritratti di personaggi della regione come Montlosier, il sindaco di Clermont Antoine Blatin, il primo presidente della Corte d'appello di Riom, Grenier e del generale Beker. Dipinge anche figure di ispirazione rurale: il mietitore, il piccolo spigolatore.

Fu nominato cavaliere della Legion d'onore e membro dell'Accademia delle scienze, lettere e arti di Clermont-Ferrand.

Aveva sposato Antoinette Jeanne Delmas de Grammont e lasciò in eredità alla città di Clermont-Ferrand i fondi del suo laboratorio (una sessantina di dipinti e due quaderni di schizzi).

OpereModifica

 
Cristo nel giardino degli ulivi (1841)
  • Cristo alla colonna, Parigi, chiesa di Saint-Jean-Saint-François.
  • Ritratto di Chateaubriand, Châtenay-Malabry, casa di Châteaubriand.
  • Molti dipinti tra cui Mort de Bonchamp, schizzo ; Ritratto di Madame Degeorge (1838); Portrait of Madame Delaval (1838) (venduto al pubblico nel 2011 [3] ); Ritratto di Antoine Blatin (acquisito nel 2007 [4] ); Il piccolo Gleaner ; Il mietitore e la ragazza ; Diagora di Rodi portato in trionfo dai suoi figli ad Olympia, Clermont-Ferrand, museo d'arte Roger-Quilliot ; disegni, studi.
  • Morte di Bonchamp, museo dipartimentale della Vandea.
  • Cristo nel giardino degli ulivi (1841), Sancerre, chiesa di Notre-Dame. Un altro dipinto sullo stesso tema nella chiesa di Saint-Julien-de-Coppel (Puy-de-Dôme).
  • Baron Grenier, Riom, Courthouse [5] .

NoteModifica

  1. ^ Ambroise Tardieu, Histoire de Clermont-Ferrand, II, p. 224. Il fratello di Thomas, Guillaume (1787-1868), fu architetto della città di Clermont-Ferrand e costruì il palazzo della corte d'appello di Riom.
  2. ^ Gault de Saint-Germain fu Clermont-Ferrand tra il 1792 e il 1796. Fu professore di disegno a l'École centrale de Clermont-Ferrand ed incaricato della conservazione dei documenti storici del Puy-de-Dôme.
  3. ^ La Tribune de l'art, 4/2/11 (En ligne). Le portrait représente Louise-Marie de Laval, épouse du baron Anne-Marie-Mathias Camille Delaval. Inventaire général du patrimoine culturel.
  4. ^ Blog de l'Association des amis des musées de Clermont-Ferrand.
  5. ^ Inventaire général du patrimoine culturel.

BibliografiaModifica

  • Michelle Juillard, Thomas Degeorge, 1786-1854, catalogue de l'exposition, Clermont-Ferrand, Musée Bargoin, 28 octobre 1978-14 janvier 1979, Clermont-Ferrand, 1978, 50 p.
  • Hippolyte Conchon, « Éloge biographique de Degeorge, membre de l'Académie de Clermont », Annales scientifiques, littéraires et industrielles de l'Auvergne, 28, 1855, pp. 44–71. (online)

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8673520 · ISNI (EN0000 0000 6703 6244 · LCCN (ENn79143459 · ULAN (EN500012740 · WorldCat Identities (ENlccn-n79143459