Thomas Digges

astronomo e matematico britannico

Thomas Digges (Barnham, 1546Londra, 24 agosto 1595) è stato un astronomo e matematico britannico.

Mappa dell'universo secondo Thomas Digges.

Figlio di Leonard Digges (c. 1520 - c. 1559), Thomas ricevette la propria formazione matematica dal padre e dal celebre matematico inglese John Dee (1527-1608), divenendo in seguito uno dei più rinomati matematici inglesi. Si dedicò alla carriera militare operando come comandante dell'armata inglese nei Paesi Bassi. Thomas Digges fu il primo convinto sostenitore di Copernico (1473-1543) in Inghilterra.

Le sue audaci concezioni eliocentriche furono esposte in A Perfit description of the Celestiall Orbes, pubblicato a Londra nel 1576. Compose numerose opere che pubblicò spesso insieme agli scritti del padre Leonard: Alae sive scalae mathematicae (Londra, 1573), che contiene osservazioni sulla Stella Nova del 1572; An Arithmeticall Militare treatise named Stratioticos (Londra, 1579), nel quale insegna l'algebra e l'aritmetica necessarie per il perfetto soldato. Egli inoltre fu membro del Parlamento. È il padre del politico Dudley Digges e del poeta Leonard Digges.

Digges fu il primo a rivedere le concezioni di un universo infinito quando nel novembre del 1572, un forte bagliore, causato dalla supernova SN 1572, illuminò per diverse settimane il cielo. Fino ad allora si ritenne che le stelle fossero fisse su un guscio rotante, a dimostrazione del fatto che la Terra e i pianeti del sistema solare, fossero racchiusi in una sfera. La luminosità dell'esplosione, visibile anche di giorno, fece intuire a Digges, che le stelle erano in realtà poste al di fuori di questo guscio su uno spazio infinito.

BibliografiaModifica

  • John Gribbin, Enciclopedia di Astronomia e Cosmologia, Cernusco sul Naviglio (MI), Garzanti, 1998, ISBN 88-11-50473-2.
  • Giorgio Dragoni, Silvio Bergia, Giovanni Gottardi, Dizionario biografico degli scienziati e dei tecnici, Bologna, Zanichelli editore, 1999, ISBN 88-08-08852-9.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN268927260 · ISNI (EN0000 0000 2392 7125 · LCCN (ENn84177466 · GND (DE100599974 · BNE (ESXX1722670 (data) · CERL cnp00141913 · WorldCat Identities (ENlccn-n84177466
  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica