Tiberio Gambaruti

letterato italiano

Tiberio Gambaruti (Alessandria, 15716 settembre 1623) è stato un letterato italiano, giureconsulto. Dopo aver conseguito il dottorato in diritto civile e canonico si trasferì a Roma, dove fu nominato protonotario apostolico, grazie all'interessamento del cardinale Scipione Caffarelli-Borghese.

Fu segretario di alcuni cardinali dei Santi Quattro e di Aracoeli.

Caduto in disgrazia, tornò ad Alessandria, dove studiò belle lettere.

OpereModifica

  • La nuova Amarilli, Roma, presso Vincenzo Castellano, 1602, favola pastorale;
  • La regina Teano presso Bartolomeo Zannetti, 1609, tragedia;
  • Discorsi e osservazioni politiche, Roma, presso Bartolomeo Zannetti, 1612;
  • Orazione a Margherita d'Austria Regina di Spagna;
  • Orazione nella venuta del cardinale alessandrino nipote di Pio V in Alessandria;
  • Lettere;
  • Poesie.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN28240715 · ISNI (EN0000 0000 6131 5664 · SBN CFIV160758 · BAV 495/107511 · CERL cnp01235074 · GND (DE13276492X · BNE (ESXX1654854 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-28240715
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie