Tom Collins (cocktail)

cocktail
Tom Collins
BicchiereCollins
Base primariaGin
DecorazioneSpicchio Limone
FamigliaCollins

Il Tom Collins è un cocktail che fa parte della famiglia dei Collins[1], un long drink a base di "Old Tom Gin" (una versione di scuola olandese dolcificata di gin, precursore del London Dry Gin), succo di limone, zucchero e soda che viene servito con ghiaccio (on the rocks) in bicchieri lunghi. A differenza del John Collins[2] non è un cocktail ufficiale IBA.

StoriaModifica

Tutto ebbe inizio con uno scherzo. Era il 9 Novembre 1874 ed il New York Herald era uno dei giornali più influenti e letti al mondo, quando in redazione si decise di pubblicare un articolo in prima pagina in cui si affermava che gli animali erano fuggiti dalle loro gabbie nello zoo di Central Park e si stavano scatenando per la città. Un leone era stato visto all’interno di una chiesa. Un rinoceronte era caduto in una fogna. La polizia e la guardia nazionale stavano “combattendo eroicamente le bestie, ma già quarantanove persone erano morte e duecento ferite”, queste le parole usate nel disperato articolo che campeggiava in prima pagina e che occupava ben sei colonne. Molti lettori si fecero prendere dal panico, le stazioni di polizia vennero prese d’assalto e la città fu quasi paralizzata, ma…in fondo all’articolo si affermava che quanto scritto sopra si trattava di una colossale burla! Certo questo monito fu scritto in piccolino ed in calce alla pagina, ma l’effetto sortito era quello che, fondamentalmente, il caporedattore dell’Herald desiderava…Ma cosa c’entra tutta questa storia col nome del nostro drink? Ebbene, quando si volle sapere chi firmò l’articolo, il nome più accreditato fu quello del giornalista Tom Collins, così quando si andò alla sede del giornale per “sistemare” le cose, ma soprattutto per evitare cause legali, tale Tom collins non si trovò e l’ufficio stampa dell’Herald si affrettò a dire che “nessun Tom Collins era mai stato alle dipendenze del giornale”, così da allora, quando in America si chiede “hai mica visto Tom Collins”’ lo si fa in riferimento ad una cosa che non esiste.

Questa cosa ci torna utile perché la prima apparizione scritta del cocktail la troviamo sul mitico manuale di Jerry Thomas, nell’edizione del 1876, sul quale però, il professore non cita alcun riferimento a nomi di eventuali inventori del drink, ed eccoci ricollegati al nuovo modo di dire del tempo…

Da allora “Tom Collins” sarà il nome di questo drink, nato peraltro con gin dolcificato di scuola olandese chiamato “Old Tom”(una sorta di genever all’inglese) altro richiamo all’appellativo del cocktail.

Anni dopo il gin dolcificato sparì per fare la sua ricomparsa solo in anni recenti con l’avvento della nuova era del bere miscelato[3].

ComposizioneModifica

  • 4,5 cl di Old Tom Gin
  • 3 cl di succo di limone fresco
  • 1,5 sciroppo di zucchero
  • 6 cl di soda
  • 1 fettina di limone

PreparazioneModifica

Prendere un bicchiere del tipo Collins da 10-14 once fluide e spremervi un limone fino ad ottenere un'oncia di succo. Aggiungere mezza oncia di sciroppo di zucchero poi un'oncia e mezza di dry gin (Old Tom Gin). Riempire fino all'orlo il bicchiere di cubetti di ghiaccio. Aggiungere soda fino all'orlo del bicchiere. Miscelare il tutto con un bar spoon...Guarnire con una fettina di limone o lime e una ciliegia al maraschino. Servire con cannuccia.

VariantiModifica

Le varianti del Tom Collins differiscono principalmente per la base utilizzata.

NoteModifica

  1. ^ Tom Collins Cocktail - Ricetta e Preparazione | The Italianbartender Blog, su Italian Bartender, 18 settembre 2019. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  2. ^ (EN) justonedesign.eu, JOHN COLLINS | International Bartenders Association, su iba-world.com, 16 gennaio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  3. ^ Tom Collins Cocktail - Ricetta e Preparazione | The Italianbartender Blog, su Italian Bartender, 18 settembre 2019. URL consultato il 28 dicembre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici