Apri il menu principale
Tomba di giganti
di Sa Domu 'e S'Orcu
Siddi - Tomba dei giganti di Sa Domu 'e s'Orcu (08).JPG
CiviltàNuragica
UtilizzoSepolcro
StileStruttura a filari
Epoca1500-1300 a.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneSiddi
Altitudine355 m s.l.m.
Dimensioni
Altezza2,5 m
Larghezza18 m
Volume675
Amministrazione
Visitabile
Mappa di localizzazione

Coordinate: 39°41′10″N 8°52′16″E / 39.686111°N 8.871111°E39.686111; 8.871111

La tomba di giganti di Sa Domu e S'orcu è un monumento archeologico situato ad un'altezza di circa 260 metri nell'altipiano della giara di Siddi, area interessata dalla presenza di quattordici nuraghi.

Databile al Bronzo medio (1500-1300 a.C.), la tomba dei giganti Sa Domu è S'Orcu è realizzata con grossi blocchi di basalto estratti dall'altopiano sul quale sorge.

Indice

DescrizioneModifica

La tomba ha una struttura quasi completamente intatta e ben conservata. I blocchi di basalto sono finemente scolpiti e lavorati lungo tutta la struttura, formando un corpo tombale della lunghezza di 15,20 metri disposto lungo l'asse sud-est nord-ovest. L'esedra, area antistante la tomba nella quale presumibilmente si svolgevano rituali legati al culto dei morti, ha un'ampiezza di 18 metri.[1]

La sepoltura ha la classica forma di protome taurina (tipica del periodo preistorico sardo) chiusa a semicerchio nella parte posteriore. La camera funeraria di pianta rettangolare ha una lunghezza di circa 10 metri; sul lato sinistro è presente una nicchia forse utilizzata per contenere le offerte funerarie e/o votive. La coperture è caratterizzata da lastre piatte di granito di grandi dimensioni poggiate alla struttura mentre il pavimento era cosparso di ciottoli di fiume nella quale veniva adagiati i defunti. All'interno sono stati rinvenuti frammenti di ceramica dell'età del Bronzo medio e dell'Età del rame.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Sardegna Cultura, Siddi, tomba di giganti Sa Domu 'e S'Orku, Sardegnacultura.it. URL consultato il 13 febbraio 2015.

BibliografiaModifica

  • Ubaldo Badas, Dom'e S'Orcu in Pran'e Siddi, in Giovanni Serreli, Daniele Vacca (a cura di), Aspetti del megalitismo preistorico, Dolianova, Grafiche del Parteolla, 2001.;

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica