Apri il menu principale

Tommaso Morosini (Venezia, 1170/1175 – Tessalonica, giugno 1211) è stato un vescovo italiano primo Patriarca latino di Costantinopoli, dal 1204 alla sua morte nel 1211.

BiografiaModifica

Morosini, allora un suddiacono, venne eletto dai veneziani immediatamente dopo l'sacco di Costantinopoli della Quarta crociata e alla fondazione dell'Impero latino di Costantinopoli. In un primo momento la sua elezione venne contestata come non canonica da papa Innocenzo III.

Il suo possesso venne turbato e diminuì il prestigio della Chiesa latina. Il suo rapporto con la corte dell'imperatore latino Enrico di Fiandra fu teso a causa di problemi di competenze, accuse di appropriazione indebita del tesoro della Basilica di Santa Sofia e dovuto principalmente alla promozione esclusiva di Morosini del clero veneziano negli alti uffici ecclesiastici. Non riuscì neanche a conciliare l'ortodossia greco-bizantina, il clero e il popolo con la regola cattolica; pertanto trasferirono la loro fedeltà all'Impero di Nicea. Dopo la sua morte, la sede rimase vacante fino alle elezioni nel novembre 1215 del vescovo Gervaso di Eraclea Pontica.

BibliografiaModifica