Apri il menu principale
Torre Deloitte
Tour Deloitte
Deloitte3sep15.jpg
La Torre Deloitte di Montréal
Localizzazione
StatoCanada Canada
ProvinciaQuébec
LocalitàMontréal
Indirizzo1115, rue Saint-Antoine Ouest
Coordinate45°29′46.85″N 73°34′04.5″W / 45.496347°N 73.567918°W45.496347; -73.567918Coordinate: 45°29′46.85″N 73°34′04.5″W / 45.496347°N 73.567918°W45.496347; -73.567918
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2013-2015
Inaugurazione2015
Altezza133 m
Piani26
Realizzazione
ArchitettoKPF, Grouppo IBI DAA
ProprietarioCadillac Fairview

La Torre Deloitte (Tour Deloitte in francese) è un edificio per uffici di 26 piani a Montréal, in Canada, che si trova tra la stazione di Windsor e il Centre Bell. È il primo grattacielo adibito a uffici commerciali di proprietà privata e finanziato della città ad essere costruito in oltre 20 anni[1].

Completato a maggio 2015, l'edificio dispone di 46.000 (495.000 piedi quadrati) di spazio per uffici e 1.900 m² (20.000 piedi quadrati) di spazio di vendita al dettaglio[2].

Il grattacielo prende il nome dalla società di servizi professionali Deloitte, che occupa 15.000 m² (160.000 piedi quadrati) di spazio per i suoi uffici nel palazzo[3]. Esso ospita anche la sede di Rio Tinto Alcan, che si è trasferita dalla Maison Alcan (18.000 m² nella parte superiore dell'edificio, gli ultimi otto piani). La torre Deloitte fa parte di un progetto multifase più ampio, che includerà un uso misto di spazi commerciali e residenziali. L'edificio è di proprietà di Cadillac Fairview[4].

Cronologia dei lavoriModifica

NoteModifica

  1. ^ Cadillac Fairview inaugurates the first office tower to be built in downtown Montreal in more than, su www.newswire.ca. URL consultato l'8 aprile 2016.
  2. ^ Cadillac Fairview begins construction of Deloitte tower, Cadillac Fairview. URL consultato il 13 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2013).
  3. ^ Tour KPMG, su skyscraperpage.com. URL consultato il 1º settembre 2017.
  4. ^ Bertrand Marotte, Rio Tinto Alcan moving Montreal headquarters, in Globe and Mail, 11 luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica