Apri il menu principale

Tracoma

infezione batterica della congiuntiva e della cornea, causata da Chlamydia trachomatis,
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tracoma
Entropion and trichiasis secondary to trachoma A44-652-11.jpg
Riparazione chirurgica della palpebra e della ciglia a causa di tracoma
Specialitàinfettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD014141 e D014141
MedlinePlus001486
eMedicine1202088

Il tracoma (dal greco antico "occhio ruvido") è una infezione batterica della congiuntiva e della cornea, causata da Chlamydia trachomatis, un batterio gram negativo intracellulare obbligato. Questi batteri possono essere trasmessi dagli occhi o dal naso di una persona infetta sia con contatto diretto sia con contatto indiretto, tramite vestiti o insetti che sono stati a contatto con gli occhi o il naso di una persona infetta.

Indice

DiffusioneModifica

Questi batteri sono trasmessi di occhio in occhio da insetti come mosche e moscerini, specialmente in aree con igiene carente e scarsità di acqua potabile. Tra i fattori legati indirettamente alla presenza del tracoma vi sono mancanza di acqua, assenza di bagni, povertà in generale, abbondanza di insetti, prossimità al bestiame e sovrappopolazione. La trasmissione del tracoma, comunque, avviene più facilmente all'interno delle famiglie a causa della scarsa igiene dei bambini. Il tracoma è endemico nelle regioni più povere del Nordafrica, Medio Oriente, subcontinente indiano, Australia e Sud-est asiatico e colpisce in particolar modo i bambini tra i tre e i cinque anni.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nel mondo oltre 150 milioni di bambini sono stati infettati e rischiano di diventare completamente ciechi.

Sintomi e decorsoModifica

I primi sintomi si manifestano con arrossamento, fotosensibilità, forti bruciori, lacrimazione e gonfiore delle palpebre. In poche settimane i follicoli congiuntivali si infiammano e i vasi capillari invadono la cornea.

Durante il decorso della malattia la rima palpebrale si rivolta verso l'interno della palpebra (entropion), e con essa si ha anche inversione delle ciglia (trichiasi). Queste ultime creano per sfregamento lesioni via via sempre più gravi alla cornea e cicatrici che causano distorsione visiva. Questo processo è molto doloroso e progressivamente conduce alla completa cecità, un handicap particolarmente grave in Paesi sottosviluppati o in via di sviluppo, poiché compromette seriamente la possibilità di lavorare e di provvedere al proprio sostentamento.

DiagnosiModifica

L'esame microscopico delle lesioni congiuntivali mostra le cellule del batterio; inoltre, si ha una reazione polimorfonucleata (neutrofili) nel plasma e nelle cellule della cornea.

TrattamentoModifica

Il tracoma può essere curato in 3-4 settimane per via topica con una pomata oftalmica a base di doxiciclina (una tetraciclina) o per via sistemica con eritromicina o sulfamidici. La terapia chirurgica è riservata agli stadi più avanzati della malattia.

PrevenzioneModifica

La prevenzione può avvenire col miglioramento delle condizioni igieniche delle popolazioni colpite o con la lotta contro gli insetti vettori (moscerini e mosche).

Inoltre è importante evitare i contatti diretti tra individui infetti e individui sani.

Gli sforzi per prevenire la malattia includono il miglioramento all'accesso di acqua pulita e un trattamento con antibiotici di gruppi di persone suscettibili alla malattia perché particolarmente diffusa in quella zona. Un'igiene migliore di per sé non è sufficiente come misura preventiva, ma è utile in concomitanza ad altre misure.

EpidemiologiaModifica

Nel 2008 risultavano infetti tra i 40 e gli 80 milioni di persone e tra i 1,3 e gli 8 milioni di persone avevano una cecità permanente dovuta al tracoma.[1][2] La malattia è comune in più di 50 Paesi in tutto il mondo.[1] In molte di queste comunità sono più colpiti i bambini e le donne, a causa del loro più stretto contatto con i bambini.[3] Circa 110 milioni di persone vivono in aree endemiche e necessitano di cure. Altri 210 milioni di persone vivono in aree di sospetto tracoma endemico.

Il Ghana, il Messico, l'Arabia Saudita, l'Iran, il Marocco e l'Oman dicono di aver eliminato la malattia dal territorio nazionale.[4] L'Australia è l'unico Paese sviluppato ad avere ancora casi di tracoma endemico che porta alla cecità.[5] Nel 2008 il tracoma risultava endemico in metà delle comunità più remote dell'Australia.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b Burton MJ, Mabey DC, The global burden of trachoma: a review, in Simon Brooker (a cura di), PLoS Negl Trop Dis, vol. 3, nº 10, 2009, pp. e460, DOI:10.1371/journal.pntd.0000460, PMC 2761540, PMID 19859534.
  2. ^ Trachoma, World Health Organization, 2012. URL consultato il 9 dicembre 2012.
  3. ^ What is Trachoma? International Trachoma Initiative Archiviato il 6 febbraio 2010 su wayback.archive-it.org URL di servizio di archiviazione sconosciuto..
  4. ^ Elizabeth Farrelly, A shamed nation turns a blind eye, The Sydney Morning Herald, 16 novembre 2009. URL consultato l'11 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2011).
  5. ^ a b Eye health in Aboriginal and Torres Strait Islander people, Australian Institute of Health and Welfare, 2008. URL consultato l'11 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina