Tre signori e nove ministri

Il sistema burocratico dei c.d. "Tre Signori e Nove Ministri" (三公九卿), a volte Tre Eccellenze e Nove Ministri, fu la principale struttura di governo centrale nella Cina imperiale al tempo della dinastia Qin (221 a.C.- 206 a.C.) sino alla dinastia Sui (581–618) che lo sostituì con il sistema dei "tre dipartimenti e sei ministeri" (三省六部)[1].

Tre SignoriModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Tre Ministri Ducali.

I "Tre Signori" erano alti funzionari del governo imperiale, vale a dire[2]:

  • il Cancelliere Imperiale (丞相);
  • il Segretario Imperiale (御史大夫); e
  • il Gran Comandante (太尉).

Nove MinistriModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Nove Ministri.

I "Nove Ministri" erano i più importanti ministri del governo centrale e cioè[3]:

  • il Ministro delle Cerimonie (太常, formalmente noto come 奉 常)
  • il Supervisore degli Attendenti (光祿 勛, formalmente noto come 郎中 令)
  • il Comandante delle Guardie (衛尉)
  • il Ministro dei Cocchieri (太僕)
  • il Comandante di Giustizia (廷尉)
  • il Grande Araldo (大鴻臚, formalmente noto come 典 客 o 大行 令)
  • il Direttore del clan imperiale (宗正)
  • il Gran Ministro dell'Agricoltura (大 司 農, formalmente noto come 治 粟 內 史)
  • il Piccolo Tesoriere (少 府)

NoteModifica

  1. ^ Wang (1949), pp. 150-151.
  2. ^ Wang (1949), p. 150.
  3. ^ de Crespigny (2007), pp. 1221-1224.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica