Apri il menu principale

La pace di Venezia fu una tregua firmata nella città lagunare il 30 dicembre 1426 a conclusione della prima fase delle guerre di Lombardia. Non si tramutò mai in un vero trattato perché il duca di Milano si rimangiò la parola non ratificandolo e riprendendo la guerra.

Il trattatoModifica

L'effetto storicamente più duraturo dell'accordo fu il passaggio di Brescia nella Repubblica di Venezia. Le forze viscontee erano state espulse dalla città già a marzo, e il 6 ottobre si era siglata la dedizione alla Serenissima.[1]

L'azzardo milanese non fu poi premiato e anzi, con la successiva pace di Ferrara, i meneghini dovettero vedere anche Bergamo.

NoteModifica

Voci correlateModifica