Tripergole

Tripergole
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
Città metropolitanaStemma Città Metropolitana di Napoli.png Napoli
ComunePozzuoli-Stemma.svg Pozzuoli
Territorio
Coordinate40°50′06″N 14°05′16.08″E / 40.835°N 14.0878°E40.835; 14.0878 (Tripergole)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tripergole
Tripergole

Tripergole è stato un villaggio medioevale interamente distrutto durante l'eruzione del vulcano Monte Nuovo nel 1538.[2]

StoriaModifica

Il villaggio sorgeva su una modesta collina di tufo, sul lago Lucrino, dove erano presenti i resti della villa di Cicerone e delle terme romane,[2] anch'esse distrutte dall'eruzione del Monte Nuovo.

Il luogo era noto per le proprietà curative termali delle sorgenti flegree. Per questo motivo, Carlo II d'Angiò fece costruire un ospedale che dava ospitalità a circa 30 degenti. Inoltre il villaggio ospitava una chiesa, alcune case, delle osterie e un maniero reale per la caccia.[2]

Intorno al 1488 l'architetto fiorentino Giuliano da Sangallo visitò i Campi Flegrei, sostando a Tripergole. Alcuni suoi disegni testimoniano le architetture termali romane presenti nel villaggio.

NoteModifica

  1. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  2. ^ a b c Tripergole, su comune.pozzuoli.na.it. URL consultato il 24 ottobre 2020.