I Trozza (chiamati anche Drozza, Drazza, Draoza, Drozzi) furono una dinastia di origine bavarese di alta nobiltà.

Sono espressamente citati nella Lex Baiuvariorum, in cui si legge l'antica legge popolare del ducato tribale dei Bavari dall'anno 635 in poi, accanto agli Huosi, Fagana, Hahiligga, Anniona e alla famiglia ducale degli Agilolfingi[1]. Tuttavia, a differenza di queste altre famiglie citate, esse non sono menzionate nei documenti in Baviera a partire dall'VIII secolo, per cui si può supporre che all'epoca non avessero più un significato straordinario per il ducato[2].

Il nome è traducibile come "il prepotente, il recalcitrante/l'ostinato, l'inflessibile/l'indomabile" o come "lo scontroso, il burbero", così come aggettivi terrificanti come "orrore o diavolo"[3].

Note modifica

  1. ^ Lex Baiuvariorum. In: Ernst von Schwind (Hrsg.): Leges. Leges nationum Germanicarum 5, 2: Lex Baiwariorum. Hannover 1826, S. 312–313 (Monumenta Germaniae Historica, Digitalisat) Dort heißt es auf lateinisch: De genealogia qui vocantur Hosi Drazza Fagana Hahilinga Anniona: isti sunt quasi primi post Agilolfingos qui sunt de genere ducali.
  2. ^ Wilhelm Störmer: Die Baiuwaren. Von der Völkerwanderung bis Tassilo III. C. H. Beck, München 2002, ISBN 3-406-47981-2, S. 34.
  3. ^ Wilhelm Störmer: Früher Adel. Studien zur politischen Führungsschicht im fränkisch-deutschen Reich vom 8. bis 11. Jahrhundert. (= Monographien zur Geschichte des Mittelalters), S. 47. Stuttgart, Hiersemann 1973, ISBN 3777273074.

Bibliografia modifica