Apri il menu principale

Twee pop

Sottogenere musicale
Twee pop
Origini stilistiche Pop
Indie pop
Rock & roll
Origini culturali Regno Unito verso la metà degli anni sessanta.
Strumenti tipici chitarra, basso, batteria
Popolarità Ha ottenuto una certa notorietà nel Regno Unito e negli Stati Uniti
Generi correlati
Bubblegum pop - Power pop
Categorie correlate

Gruppi musicali twee pop · Musicisti twee pop · Album twee pop · EP twee pop · Singoli twee pop · Album video twee pop

Il twee pop è un sottogenere musicale dell'indie pop, per molti versi, a livello puramente stilistico/formale, paragonabile al bubblegum pop.[1]

Usato inizialmente in maniera dispregiativa, il termine twee (che deriva dal suono della parola sweet, storpiata nel linguaggio infantile), identificava inizialmente un qualcosa di pittoresco, delicato, troppo sentimentale o dolce, quasi al punto di essere disgustoso.[2]

Nella grande tradizione del punk rock, il twee pop, affonda le sue radici nello spirito del DIY ma affrontato con una semplicità e un'innocenza tipica dei primi artisti rock & roll degli anni cinquanta. Musicalmente è caratterizzato da chitarre dal suono jangly (tintinnanti) tipiche del pop anni sessanta, melodie orecchiabili, strutture musicali semplici (spesso a tre accordi) e da testi con tematiche amorose e innocenti.

Nel Regno Unito la nascita del genere può sicuramente coincidere con l'uscita della C86, una compilation distribuita dalla rivista NME nel 1986, che includeva le band più interessanti della scena pop indipendente britannica di allora come Primal Scream, The Pastels, The Shop Assistants e molte altre.

Con la strada tracciata dal lavoro della scozzese Postcard Records, il fulcro della scena twee pop inglese è stata poi per molti anni l'ormai leggendaria etichetta Sarah Records, casa-madre di gruppi come i Field Mice, Heavenly, Talulah Gosh e The Orchids, mentre, negli Stati Uniti, prese piede soprattutto nella scena di Olympia grazie soprattutto al lavoro della K Records, etichetta di proprietà di Calvin Johnson.

NoteModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica