Apri il menu principale

Ulteriore sviluppo dell'esercito

L’ulteriore sviluppo dell’esercito (USEs) è un progetto dell’Esercito svizzero che, dopo Esercito 95 e Esercito XXI, rappresenta una sua ulteriore riorganizzazione.

Ulteriore sviluppo dell'esercito (USEs) è un progetto dell'Esercito svizzero che, dopo Esercito 95 e Esercito XXI, rappresenta una sua ulteriore riorganizzazione, avviata con il Rapporto sulla politica di sicurezza del 23 giugno 2010 e il Rapporto sull'esercito del 1º ottobre 2010. Essa mira a incrementare dal 2017 la prontezza dell'esercito, a migliorare l'istruzione e l'equipaggiamento e a rafforzare il radicamento a livello regionale. Si tratta inoltre di creare basi solide e durature per un adeguato rapporto tra prestazioni e risorse finanziarie. L'USEs deve permettere all'esercito di continuare anche in futuro a difendere e a proteggere in modo efficace la Svizzera e la sua popolazione da minacce e pericoli moderni. La concretizzazione del progetto USEs dovrebbe concludersi in larga parte nel 2020, fermo restando che l'ulteriore sviluppo dell'Esercito svizzero è un processo permanente.

La procedura di consultazione si è svolta nell'autunno nel 2013. I Cantoni, i partiti politici, le associazioni mantello e altre cerchie interessate sono state invitate a formulare le loro osservazioni riguardo al progetto di ulteriore sviluppo dell'esercito e alla relativa revisione parziale della legge militare. Il messaggio è stato adeguato di conseguenza e il 3 settembre 2014 è stato adottato dal Consiglio federale e trasmesso all’Assemblea federale.

ObiettivoModifica

L'obiettivo del progetto è di orientare l'esercito, in quanto strumento di sicurezza della Svizzera, alle esigenze del futuro nell'ambito delle condizioni quadro giuridiche e politiche.

Gli aspetti fondamentali dell'USEs sono i seguenti:

  1. incremento della prontezza;
  2. miglioramento dell'istruzione;
  3. equipaggiamento completo;
  4. rafforzamento del radicamento a livello regionale.

BasiModifica

Le basi per questo progetto sono il Rapporto sulla politica di sicurezza (RAPOLSIC 2010), il Rapporto sull'esercito 2010 e il cosiddetto elenco delle carenze del 2009.

Parametri fondamentaliModifica

I parametri fondamentali dell'esercito dopo la concretizzazione dell'USEs saranno i seguenti:

  • Base: obbligo di prestare servizio militare e principio di milizia;
  • Budget annuale: 5 miliardi di franchi;
  • Effettivo regolamentare: 100 000 militari;
  • Giorni di servizio: circa 5 milioni all'anno;
  • Compiti: l'Esercito svizzero difende il Paese, la popolazione e le infrastrutture.

Mandato costituzionaleModifica

L'articolo 58 capoverso 2 della Costituzione federale ha il seguente tenore: «L'esercito serve a prevenire la guerra e contribuisce a preservare la pace; difende il Paese e ne protegge la popolazione. Sostiene le autorità civili nel far fronte a gravi minacce per la sicurezza interna e ad altre situazioni straordinarie. La legge può prevedere altri compiti.»

ScadenziarioModifica

Avvio della consultazione: 26 giugno 2013
Fine della consultazione: 17 ottobre 2013
Consultazione degli uffici: luglio 2014
Procedura di corapporto: agosto 2014
Messaggio del Consiglio federale: 3 settembre 2014
Dibattiti parlamentari: 2014-2015

Collegamenti esterniModifica

  • Pagina web del DDPS, su vbs.admin.ch. URL consultato il 12 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2014).
  • Informazioni del DDPS per i media, su vbs.admin.ch. URL consultato il 12 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2014).