Uni era la suprema dea del Pantheon etrusco e patrona di Perugia.

Uni, busto dal Museo nazionale etrusco di Villa Giulia

Formava con Tinia e Menrva un potentissimo triumvirato. Uni era la madre di Hercle, suo marito Tinia ne era il padre. Equivale nella mitologia greca a Era mentre in quella romana a Giunone.

Etimologia modifica

Il nome Uni ha un'etimologia incerta, ma potrebbe essere legato a una radice indoeuropea iuni che significa "giovane", che si collega alla sua associazione con la fertilità, l'amore e il matrimonio. In relazione a ciò, è stato anche suggerito che il latino Iuno (Giunone) abbia avuto origine dall'etrusco, modificato da una desinenza femminile -i etrusca.

Mitologia modifica

Poiché la maggior parte della letteratura etrusca non è sopravvissuta nel tempo, le storie mitologiche che coinvolgono gli dei etruschi sono state ampiamente interpretate attraverso scene incise in specchi di bronzo[1], e altre opere d'arte a tecnica mista.[2]

Uni ed Hercle modifica

Un notevole specchio di Volterra raffigura Uni che allatta un semidio adulto, Hercle (l'Eracle greco o l'Ercole romano). Tinia, tra le altre divinità presenti alla scena, indica una tavoletta con l'iscrizione che indica il significato dell'evento: "eca: sren: tva: iχnac hercle:unial clan: θra:sce" che significa "questa immagine mostra come Hercle sia diventato figlio di Uni".[3] In altre rappresentazioni di questo mito, divinità come Menrva, Turan e Mae - la dea della vittoria - sono presenti come parte di una folla animata che testimonia l'adozione.

Il motivo di Hercle allattato da Uni è inteso come di origine greca, dove la controparte Era fu inconsapevolmente ingannata da Zeus (Tinia) per allattare, e con questo processo adottare, un neonato Eracle contro la sua volontà.

La rappresentazione di questo mito, in cui il processo di adozione è caratterizzato da un Ercole adulto e da una Uni servizievole, è ampiamente riconosciuta come sviluppatasi interamente in Etruria. La maggior parte degli studiosi considera questa interpretazione del mito come la gradita iniziazione dell'Ercole alla divinità; è stato anche suggerito che la scena rappresenti la riconciliazione tra Uni ed Hercle, dove il racconto etrusco rappresenta accuratamente il significato del nome greco di Ercole "Gloria di Era".[3]

Il Giudizio di Elcsntre modifica

Il Giudizio di Elcsntre (equivalentemente noto in termini greci come Giudizio di Paride) è secondariamente degno di nota in quanto mito spesso rappresentato in termini etruschi attraverso specchi di bronzo. I temi principali del mito greco rimangono intatti: Elcsntre (Paride), guidato da Turms (Ermes), deve scegliere chi è "la più bella" tra Menrva, Uni, e Turan per ricevere in dono un uovo (pomo d'oro) che era stato presentato alle nozze di Peleo e Teti. Quando Elcsntre non poté scegliere facilmente tra le tre dee, queste ricorsero a corromperlo. L'interpretazione etrusca delle offerte specifiche presentate non è chiara a causa della mancanza di fonti scritte e di diverse rappresentazioni su vari specchi, tuttavia ci sono rappresentazioni comuni dei doni di Menrva e Turan in linea con le loro controparti greche. La lancia di Menrva e una corona di fiori sono spesso raffigurate come rappresentative della gloria offerta in battaglia. Turan è spesso raffigurata con rami di fiori in mano e con il corpo in mostra, a rappresentare l'offerta a Elcsntre della donna più bella del mondo come moglie. Unicamente, Uni è raffigurata in un modo diverso che non corrisponde completamente all'origine greca del mito. Tra i vari specchi, è stata raffigurata nuda, o completamente vestita, ma con in mano un ramo di melograno con tre pezzi di frutta, che generalmente non è stato interpretato come l'offerta di potere politico del mito greco.[4] Invece, pur non essendoci una chiara affermazione della sua offerta, si è sostenuto che queste raffigurazioni dimostrano le sue caratteristiche uniche etrusche, in cui è maggiormente associata ai frutti della fertilità.[5]

Note modifica

  1. ^ Thomson de Grummond, Nancy (1985). "The Etruscan mirror". Source: Notes in the History of Art. 4 (2/3): 26–35. doi:10.1086/sou.4.2_3.23202423. JSTOR 23202423. S2CID 191384461.
  2. ^ Nancy Thomson de Grummond, Etruscan Myth, Sacred History, and Legend (University of Pennsylvania Museum of Archaeology and Anthropology, 2006).
  3. ^ a b Bonfante, L. (2006). Etruscan inscriptions and Etruscan religion. In Thomson de Grummond, N. & Simon, E (Eds.), Religion of the Etruscans(pp. 9-26), Austin, Texas: University of Texas Press.
  4. ^ Stevens, N. (2009). A New Reconstruction of the Etruscan Heaven. American Journal of Archaeology. 113(2), p. 113
  5. ^ de Grummond, Etruscan Myth, Sacred History and Legend, p. 78

Altri progetti modifica

  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia