Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'articolo riguardante l'asteroide omonimo, vedi 3 Juno.

Giunone è una divinità della religione romana, legata al ciclo lunare dei primitivi popoli italici.

Gli amori di Giove e Giunone, dipinto di Annibale Carracci, conservato a Roma, Galleria Farnese.
Giunone Regina su di un denario di Giulia Soemia.

DescrizioneModifica

Giunone era l'antica divinità del matrimonio e del parto, spesso rappresentata nell'atto di allattare, la quale assunse, in seguito, le funzioni di protettrice dello Stato. Dagli antichi Romani, infatti, fu gradualmente assimilata alla Era della mitologia greca, divenendo la moglie di Giove, quindi la più importante divinità femminile. Assieme a Giove e Minerva formava la cosiddetta Triade Capitolina. Figlia, come Giove, di Saturno e Opi, corrispondenti nella mitologia greca a Crono e Rea. Giunone era anche la protettrice degli animali, in particolare era a lei sacro il pavone.

EpitetiModifica

  • Regina
  • Moneta. In suo onore erano stati eretti templi, nei quali veniva venerata come Moneta ("colei che ammonisce", a cui era dedicato il tempio di Giunone Moneta sul Campidoglio) sede della Zecca, e in questo ruolo si sarebbe distinta salvando i romani durante l'assalto portato dai Galli nel IV secolo a.C..
  • Lucina. Giunone Lucina proteggeva le nascite e i bambini: in suo onore venivano celebrate le Matronalia.
  • Sospita ossia propizia o protettrice.
  • Curiti,[1]
  • Viriplaca.
  • Caprotina identificata con la Natura, era raffigurata con corna e pelle di capra che ricopriva testa e spalle. Le erano dedicate le feste Caprotine il 7 luglio.[2]
  • Pronuba protettrice delle nozze

TempliModifica

Nemica di TroiaModifica

Si narra che Giunone fosse nemica giurata dei Troiani per tre motivi mitici:

  1. Il torto subito da Paride perché aveva dato la mela della bellezza a Venere anziché a lei.
  2. Il rapimento di Ganimede da parte di Giove, che ne fece il suo amante e il coppiere degli dèi.
  3. La profezia che si racconta nell'Eneide, secondo la quale la sua città prediletta, cioè Cartagine, sarà distrutta dai discendenti di Troia e quindi i Romani.

Influenza culturaleModifica

  • L'attributo giunonico - riferito a Giunone - ha il significato di forme femminili marcate, e in particolare di un seno pronunciato.
  • Alla dea è stata dedicata una sonda della NASA attualmente nell'orbita di Giove.
  • Yuno Gasai: la ragazza co-protagonista del Manga Mirai Nikki - Future Diary è ispirata a Giunone (non a caso nel Manga Yuno diventa molto gelosa quando qualche altra ragazza si avvicina al protagonista Yukiteru Amano, lui stesto ispirato a Giove, un po' come per Giunone quando qualche ragazza al di fuori di lei si avvicinava a Giove, poi il nome inglese di Giunone è Juno, nome molto simile a quello di Yuno).
  • Juno è un film del 2007 su una ragazza madre.

NoteModifica

  1. ^ "Il costume antico e moderno", volume 5, di Giulio Ferrario, Torino, 1832
  2. ^ "Dizionario dei miti", di Gabriella D'Anna, ediz. Newton&Compton, Roma, 1996 (alla pag.65 - voce "Giunone")
  3. ^ Tito Livio, Ab urbe condita libri, X, 2.
  4. ^ (EN) Juno Chasma, su Gazetteer of Planetary Nomenclature. URL consultato il 7 ottobre 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47558229 · LCCN (ENno2016066396 · GND (DE118800574 · CERL cnp00589422 · WorldCat Identities (ENviaf-47558229
  Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia