600px Bianco e Celeste a Quadri.PNG

Cartella blu.jpg
Nuvola apps browser.png
Benvenuto!
Ciao !!
Oggi, lunedì 6 aprile 2020, it.wiki conta 1 595 526 voci.........Contatore visite Utente:PMM
Lasciami un Post-it
Pix.gif


Cartella blu.jpg
P writing.svg
I miei contributi

Speciale:Contributions/PMM

Pix.gif


Babel utente
it-N Questo utente può contribuire con un livello madrelingua in italiano.
en-4 This user has near native speaker knowledge of English.
fr-2 Cet utilisateur dispose de connaissances intermédiaires en français.
la-2 Hic usor media Latinitate contribuere potest.
es-2 Este usuario tiene un conocimiento intermedio del español.
ca-1 Aquest usuari té un coneixement bàsic de català.
Utenti per lingua
Il solo amico del tutto privo di egoismo che un uomo possa avere in questo mondo egoista, l'unico che non lo abbandona mai, l'unico che non si rivela mai ingrato o sleale è il suo cane.
(...)Il cane resta accanto al padrone nella prosperità e nella povertà, nella salute e nella malattia. Pur di stare al suo fianco, dorme sul terreno gelido, quando soffiano i venti invernali e cade la neve. Bacia la mano che non ha cibo da offrirgli, lecca le ferite e le piaghe causate dallo scontro con la rudezza del mondo. Veglia sul sonno di un povero come se fosse un principe. Quando tutti gli altri amici si allontanano, lui resta. Quando le ricchezze prendono il volo e la reputazione s'infrange, è altrettanto costante nel suo amore come il sole nel suo percorso nel cielo.
Se la sorte spinge il padrone a vagare nel mondo come un reietto, senza amici e senza una casa, il cane fedele non chiede altro privilegio che poterlo accompagnare per proteggerlo dal pericolo e lottare contro i suoi nemici, e quando arriva la scena finale e la morte stringe nel suo abbraccio il padrone e il suo corpo viene deposto nella terra fredda, non importa se tutti gli altri amici lo accompagneranno; lì, presso la tomba, ci sarà il nobile cane, con la testa fra le zampe e gli occhi mesti, ma aperti in segno di vigilanza, fedele e sincero anche nella morte.

(George Graham Vest)